Cosa si è scoperto dallo studio del dna di Beethoven?

frame
frame Diritti d'autore Martin Meissner/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di euronews con Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Cosa si è scoperto dallo studio del dna di Beethoven? Dna è stato sequenziato a partire da alcune ciocche di capelli al compositore

PUBBLICITÀ

Diversi fattori di rischio genetici per le malattie del fegato che, almeno negli ultimi mesi della sua vita, hanno scatenato l'epatite B, e sorprese dal cromosoma Y: a rivelarli è la mappa del Dna di Ludwig van Beethoven.

L'analisi è stata pubblicata sulla rivista Current Biology da un gruppo di ricerca internazionale guidato dal tedesco Max Planck Institute e dalla britannica Università di Cambridge. Il Dna è stato sequenziato per la prima volta dopo due secoli, a partire da alcune ciocche di capelli che risalgono agli ultimi 7 anni di vita del compositore e attribuite al compositore con un ampio margine di sicurezza.

La sequenza genetica del Dna indica che l'epatite B, insieme al consumo di alcol, hanno molto probabilmente causato la morte del grande compositore, avvenuta nel 1827 quando Beethoven aveva 56 anni. 

Dall'analisi è emerso inoltre che il cromosoma Y del compositore non corrisponde a quello di nessuno dei suoi cinque attuali discendenti, che condividono con lui un antenato comune per via paterna: ciò indica che, in qualche momento nel corso delle sette generazioni successive, deve essere avvenuto almeno un concepimento extra-coniugale dopo la nascita dell'antenato comune, Hendrik van Beethoven, nel 1572.

Lo scopo principale dello studio, guidato da Tristan Begg di Max Planck Institute e Università di Cambridge, era quello di far luce sui problemi di salute di Beethoven, che notoriamente includono la progressiva perdita dell'udito ed i cronici disturbi gastrointestinali. Nel 1821, in particolare, il compositore ebbe  almeno due attacchi di ittero, sintomo di una malattia del fegato, e infatti la cirrosi è stata a lungo vista come la causa più probabile della sua morte. I ricercatori non sono stati in grado di trovare una causa definitiva per la sordità o i problemi gastrointestinali, ma i fattori di rischio scoperti legati al fegato e l'infezione dovuta al virus dell'epatite B confermano la cirrosi come la spiegazione più plausibile. Gli autori dello studio hanno però potuto eliminare dalla lista dei 'sospettati' altri possibili disturbi ipotizzati negli anni passati, come celiachia, intolleranza al lattosio e sindrome dell'intestino irritabile, per la quale Beethoven presentava invece un certo grado di protezione genetica.

Per essere sicuri di lavorare con il dna del compositore tedesco, i ricercatori hanno condotto test di autenticazione su otto campioni di capelli provenienti da collezioni pubbliche e private del Regno Unito, dell'Europa e degli Stati Uniti. Hanno così scoperto che almeno due delle ciocche conservate non erano autentiche, inclusa una che si credeva fosse stata tagliata dal musicista quindicenne Ferdinand Hiller dalla testa di Beethoven deceduto da poco. Soprannominata la 'ciocca Hiller', sue precedenti analisi supportavano l'ipotesi che Ludwig soffrisse di avvelenamento da piombo, che poteva spiegare i suoi problemi di salute, inclusa la perdita dell'udito: la ciocca si è però rivelata appartenere ad una donna.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, dimesso con successo il primo paziente a cui è stato trapiantato un rene di maiale

Così il cambio dell'ora influisce sulla salute: sintomi e soluzioni

Kate Middleton annuncia di avere il cancro: messaggi per la principessa da tutto il mondo