EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Corruzione in lavori Parco Selinunte e Satiro, 6 ordinanze

Interdetti ex direttore, 2 funzionari regione e 3 imprenditori
Interdetti ex direttore, 2 funzionari regione e 3 imprenditori
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 07 MAR - "Plurimi episodi di corruzione e abuso d'ufficio" negli appalti del Parco archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria, tra il 2020 e il 2021". E' l'ipotesi di reato contestata e tre pubblici ufficiali e ad altrettanti imprenditori dal Gip di Marsala che ha disposto la loro temporanea interdizione dai pubblici uffici ed il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione. L'ordinanza cautelare, emessa su richiesta della Procura Lilibetana, è stata eseguita da finanzieri del comando provinciale di Trapani. L'inchiesta si basa su indagini delle Fiamme Gialle di Castelvetrano, avviate dall'estate del 2020, che, secondo l'accusa, hanno "consentito di accertare molteplici irregolarità nella concessione di appalti pubblici da parte dell'Ente archeologico" e "numerosi episodi illeciti a carico dell'allora direttore del Parco, due funzionari regionali e tre privati imprenditori". Secondo l'accusa a "fronte dell'assegnazione di pubblici lavori, gran parte dei quali attribuiti in somma urgenza ed attraverso uno strumentale utilizzo del Mercato elettronico della pubblica amministrazione (Mepa), il responsabile dell'Ente percepiva dalle imprese affidatarie varie utilità, tra le quali opere di ristrutturazione presso abitazioni private nella disponibilità del Pubblico Ufficiale e di familiari di quest'ultimo, nelle Province di Palermo ed Agrigento, nonché interventi di trasloco, giardinaggio e disinfestazione presso i predetti domicili". "Analoghe condotte corruttive", contesta la Procura, "venivano rilevate a carico del funzionario di Favara, il quale, in qualità di Rup di vari appalti contestati dalla Guardia di Finanza, facilitava l'illecita assegnazione delle commesse a favore di talune ditte, da queste ricevendo utilità monetarie e l'assunzione lavorativa di propri familiari". Tra gli episodi illeciti maggiormente significativi, la Procura di Marsala cita gli appalti legati ai lavori di adeguamento Covid-19 svolti al Museo del Satiro Danzante di Mazara del Vallo nel giugno 2020 e quelli relativi alla preparazione dell'evento di commemorazione dei Coniugi Tusa, tenutosi nel dicembre dello stesso anno presso l'area archeologica selinuntina. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudafrica al voto: elezioni legislative ad alto rischio per l'Anc, il partito di Mandela

"All eyes on Rafah", in milioni condividono l'immagine AI sui social dopo le stragi alle tendopoli

Elezioni europee: Euronews intervista Anders Vistisen, spitzenkandidat di Identità e Democrazia