EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Israele in strada contro la riforma della giustizia

Image
Image Diritti d'autore Ohad Zwigenberg/AP
Diritti d'autore Ohad Zwigenberg/AP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Bibi Netanyahu vuole riformare la giustizia in senso autoritario

PUBBLICITÀ

Proteste di massa in Israele contro un progetto di revisione del sistema legale del Paese.

Decine di migliaia di persone si sono mobilitate questo lunedì davanti al parlamento di Gerusalemme all'inizio del voto sulla riforma giudiziaria proposta dal nuovo esecutivo di Benjamin Netanyahu.

La riforma, dicono, eroderebbe la separazione dei poteri e indebolirebbe le basi formali della democrazia israeliana, concedendo un potere eccessivo al governo.

Alcuni manifestanti hannno paura: "Questi cambiamenti avranno un impatto sulle donne, sui lle minoranze, su tutti i settori della popolazione. E quelli che non lo capiscono, beh, questo è un problema per dire."

Un avvocato di Givat Shmuel nel centro di Israele aggiunge: "Vorrei poter dire di essere ottimista, non so se fermerà la legislazione. Ma almeno la gente saprà che non ci rappresenta".

Una dottoressa conclude: "Oggi è il primo passo per trasformare Israele da una democrazia in un altro tipo di potere. Non sappiamo ancora cosa sarà, ma non sarà più una democrazia".

Il primo ministro Benjamin Netanyahu e i suoi alleati ultrareligiosi e ultranazionalisti voteranno due dei progetti di legge inclusi nella riforma, che mirano a modificare la composizione del comitato di selezione dei giudici e limiterebbero la capacità della Corte suprema di rivedere e modificare le leggi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le proteste degli israeliani arrivano a Bruxelles

Riforma della giustizia: primo sì per Netanyahu dal parlamento di Israele

Decine di morti a Gaza City, Idf lega una palestinese in Cisgiordania come scudo umano