Sos cani avvelenati nel Crotonese, esposto dell'Enpa

Il pubblico ministero aveva chiesto 15 anni
Il pubblico ministero aveva chiesto 15 anni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MESORACA, 14 FEB - L'Ente nazionale protezione animali (Enpa) di Crotone ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Crotone per l'uccisione, presumibilmente per avvelenamento, di diversi cani nel comune di Mesoraca. Si tratta sia di randagi sia di cani di proprietà: da fine gennaio a lunedì scorso sono 4 gli esemplari trovati morti . "Gli autori di queste condotte delittuose - è scritto nell'esposto a firma del presidente dell'Enpa Crotone, Giuseppe Trocino - non sono mai stati identificati! Ma se è vero che è difficile, ma certamente non impossibile, individuare l'autore materiale del reato, meno complicato è perseguire le condotte omissive dei rappresentanti delle istituzioni locali che dovrebbero contrastare il fenomeno del randagismo promuovendo politiche di prevenzione e, in spregio alla normativa vigente, omettono di farlo". Trocino ha richiesto anche l'intervento del Prefetto di Crotone affinché coordini la gestione degli interventi da effettuare. "Nell'anno 2023 - sostiene il presidente provinciale dell'Enpa - penso sia assurdo e paradossale doversi ancora confrontare con il fenomeno degli avvelenamenti dei cani randagi e quindi, a distanza di oltre 30 anni dall'emanazione della legge quadro sul randagismo n. 281 del 1991, dover contestare alle Istituzioni l'omessa attuazione di una legge dello Stato Italiano". Ricordando che spargere esche avvelenate nell'ambiente "costituisce un grave pericolo per l'ambiente e per l'uomo, in particolare per le categorie più a rischio quali i bambini", Trocino ribadisce che "nella provincia di Crotone il fenomeno degli avvelenamenti è molto diffuso e si ripete ciclicamente. Ciononostante nel corso degli ultimi trenta anni nessun amministratore pubblico è stato perseguito penalmente dalla Procura della Repubblica né dalla Corte dei Conti per aver disatteso i precetti normativi e, conseguentemente, arrecato danni alle casse dell'ente amministrato". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: Nicolas Schmit a Berlino con Katarina Barley

Elezioni europee, tutto quello che c'è da sapere per andare alle urne informati

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"