Avvelenò marito: madre vittima, non posso perdonarla

Confermata in appello la condanna della donna a 30 anni
Confermata in appello la condanna della donna a 30 anni
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 30 GEN - "La conferma della sentenza non può alleviare il dolore di madre. Forse solo il Signore può perdonare questa donna che mi ha privato di un figlio. Da lei, che è stata parte della nostra famiglia, non vedo nessun cenno di pentimento né segno di pietà. Io non posso perdonarla. Il nostro dolore resta incancellabile". Lo dice Antonina Filicicchia la madre del pizzaiolo Sebastiano Rosella Musico, 40 anni, ucciso nel gennaio del 2019 a Termini Imerese. La moglie, Loredana Graziano, è stata condannata oggi in appello a 30 anni di reclusione con l'accusa di averlo avvelenato. "La conferma della sentenza di condanna evidenzia la solidità del lavoro fatto nel primo grado di giudizio - dicono gli avvocati Salvatore Sansone e Provvidenza Di Lisi che hanno assistito i familiari costituitisi parti civili - Sarà ora compito della difesa delle parti civili intraprendere le opportune iniziative di legge per ottenere i giusti risarcimenti per il danno procurato con una condotta che è stata pienamente confermata dalla Corte d'Assise di Appello". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Due anni di guerra in Ucraina: aiuti dall'Ungheria attraverso la Transcarpazia

Russia, corpo di Alexei Navalny consegnato alla madre

Houthi colpiscono una nave: enorme chiazza di petrolio nel Mar Rosso