EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Spagna: aggressione con machete, fermato un cittadino marocchino

Algeciras
Algeciras Diritti d'autore Juan Carlos Toro/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Juan Carlos Toro/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La polizia spagnola ha arrestato il presunto responsabile degli attacchi con machete ad Algeciras. Si tratta di un 25enne marocchino

PUBBLICITÀ

La polizia spagnola ha fatto irruzione nell'abitazione di un giovane marocchino ritenuto responsabile degli attacchi a colpi di machete in due chiese cattoliche.
Le aggressioni hanno provocato la morte di un sacrestano e il ferimento di un sacerdote nella città meridionale di Algeciras.

Gli inquirenti valutano la matrice terroristica dell'attacco. Si ritiene che il sospetto abbia agito da solo.

Un sospetto per le aggressioni

Le autorità hanno fermato il 25enne Yassine Kanjaa, senza precedenti penali né in Spagna né in altri Paesi. 

Il Ministero dell'Interno spagnolo ha dichiarato che il sospetto era stato raggiunto da un ordine di espulsione il giugno dello scorso anno a causa del suo status di migrante non autorizzato in Spagna. 

Le autorità della vicina Gibilterra hanno dichiarato che Kanjaa era stato arrestato nel piccolo territorio britannico nell'agosto 2019 quando aveva cercato di "scendere a terra da una moto d'acqua senza la necessaria documentazione". È stato espulso giorni dopo.

Gli attacchi hanno scosso la città multiculturale situata vicino alla punta meridionale della Spagna. I testimoni hanno raccontato che nel secondo incidente l'assalitore è saltato sull'altare della Chiesa di Nuestra Senora de La Palma brandendo un machete. Ha poi attaccato un sacrestano - incaricato di preparare la Messa - all'interno della chiesa e lo ha inseguito in una piazza della città prima di ucciderlo.

Un sacerdote era stato ferito in precedenza nella chiesa di San Isidro, a soli cinque minuti a piedi da Nuestra Senora de La Palma. Il sospetto aveva discusso con il sacerdote prima della Messa e poi era tornato ad aggredirlo. L'ordine religioso salesiano, a cui il sacerdote è affiliato, ha dichiarato che il religioso è fuori pericolo.  

Il cordoglio della comunità

La famiglia del sacrestano ucciso si è riunita all'interno di Nuestra Senora de La Palma per ricevere le condoglianze del ministro Grande-Marlaska.

Ad Algeciras le bandiere sono state esposte a mezz'asta, un minuto di silenzio e una veglia sono stati osservati dalla comunità, compreso un significativo contingente della popolazione marocchina della città.

"Questo ci fa molto male", ha detto Nahual Mostanaquin. "Tutti i marocchini, quelli che sono qui, in Marocco o in Francia, non vogliono che queste cose accadano. È una cosa da pazzi", ha aggiunto. "(La vittima) era un uomo buono che non faceva del male a nessuno. Non faceva male a nessuno e tutti gli volevano bene".

Aziz Handi ha aggiunto: "Speriamo che non accada mai più, perché qui ad Algeciras viviamo in pace".

Algeciras è una città portuale cosmopolita e il primo punto di arrivo di molte imbarcazioni e traghetti provenienti dal Nord Africa, il che la pone al centro di un'area di interesse per la popolazione.

La Commissione islamica di Spagna, che rappresenta i musulmani nel Paese, ha condannato "l'atto abominevole, assassino e senza cuore" in "uno spazio sacro per i nostri fratelli cattolici ad Algeciras".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Algeciras, i funerali di Diego Valencia: l'assassino è accusato di "omicidio per terrorismo"

Spagna, attacco a due chiese ad Algeciras: un morto e quattro feriti

Spagna campione d'Europa: la Nazionale accolta a Madrid dalla famiglia reale e dalla folla in festa