EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

A Roma spuntano immagini Papa nero, è performance artista

In diverse zone della città, iniziativa di Pep Marchegiani
In diverse zone della città, iniziativa di Pep Marchegiani
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PESCARA, 04 GEN - "Habemus Papam, nero!": è il grido artistico lanciato a Roma da una innovativa performance a firma di Pep Marchegiani, che si inserisce nella lunga tradizione delle Pasquinate, con l'apparizione dell'immagine del nuovo Pontefice africano (Celestino VI, inesistente nella storia della Chiesa che si ferma al papa del "gran rifiuto", appunto Celestino V morto nel 1296 nel castello di Fumone) sulla celebre statua di Pasquino, sul lungotevere al cospetto del Cupolone e in diversi luoghi iconici della Città eterna, come ai piedi della statua di Giordano Bruno in Campo dei Fiori. Marchegiani, artista non nuovo a provocazioni che portano a una riflessione sullo stato e sul ruolo dell'arte contemporanea, ha voluto portare nel cuore della cristianità il primo Papa africano della storia. Ad ispirarlo è stato un sogno, poi materializzato in un'effige, un NFT e un sito, E-pray, che venderà oggetti sacri, autorizzati da La Santa Sede (marchio in fase di registrazione), relativi alla figura del nuovo pontefice: Celestino VI. "L'idea della performance - racconta l'artista - arriva proprio da una veggenza, con l'eredità spirituale di San Pietro raccolta da Celestino VI, il primo Papa proveniente dalla zona di Dar Gum'a in Sudan. Un Papa africano, dunque, con un nome che evoca la celebre figura di Celestino V, di memoria dantesca, primo pontefice a rinunciare al soglio papale. Dopo di lui ha dato le dimissioni Papa Ratzinger, scomparso di recente". Celestino VI, come il suo ideale predecessore rappresentato dalla figura dell'eremita del Gran rifiuto, sarebbe un Papa dei poveri, di una Chiesa pura, essenziale, evocativa delle sue prime forme. L'artista torna a Roma dove ha già firmato una sua performance, incappucciando le statue del Pincio con sacchetti di plastica nera, denunciando il degrado della Capitale. Pep Marchegiani, classe '71 è abruzzese di nascita. Opera in particolare nell'ambito dell'arte contemporanea ed è un fervente sostenitore dell'arte senza padroni. Il viaggio di Celestino VI continuerà in altre città. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La crisi immobiliare colpisce la Grecia, i prezzi delle case sono aumentati dell'11 per cento

Francia, Macron rassicura la Nato sugli impegni per l'Ucraina: dilemma maggioranza e primo ministro

Le notizie del giorno | 12 luglio - Serale