EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

"Portare Putin e Lukashenko in tribunale", l'appello dalla cerimonia per i Nobel

I Nobel per la pace 2022
I Nobel per la pace 2022 Diritti d'autore Markus Schreiber/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Markus Schreiber/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Gioia Salvatori
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Oleksandra Matviichuk, direttrice del centro per le libertà civili ucraino, covincitrice del Nobel per la pace 2022 lancia l'appello da Oslo; alla cerimonia anche il fisico Parisi

PUBBLICITÀ

La cerimonia non si teneva da due anni quindi questo 10 dicembre la sala è gremita. Ci sono tutti i vincitori del premio Nobel degli ultimi 3 anni, dall'Italia è arrivato il fisico Giorgio Parisi, docente all'università di Roma La Sapienza. A Oslo ricevono il prestigioso riconoscimento nel giorno dell'anniversario della morte di Alfred Nobel. Grandi protagonisti i Nobel per la pace 2022, l'attivista bielorusso Ales Bialiatski, l'organizzazione russa Memorial e il C****entro per le libertà civili ucraino. Oleksandra Matviichuk, direttrice di quest'ultimo, dice "Dobbiamo spezzare il circolo dell'impunità. Dobbiamo istituire un tribunale internazionale e portarci Putin, Lukashenko e gli altri criminali di guerra responsabili, non solo per quanto accade in Ucraina ma anche in altre nazioni del mondo". 

Dobbiamo spezzare il circolo dell'impunità. Dobbiamo istituire un tribunale internazionale e portarci Putin, Lukashenko e gli altri criminali di guerra
Oleksandra Matviichuk
Direttrice centro per le libertà civili ucraino

La cerimonia dunque si è presto tramutata in un appello alla pace per l'Ucraina. Jan Rachinsky dell'organizzazione russa Memorial che denuncia la repressione in Russia, ha fatto notare che "Oggi il numero di prigionieri politici in Russia è superiore al totale dell'intera URSS all'inizio del periodo della perestrojka negli anni '80".

La presidente del comitato Nobel ha detto che i vincitori sono linfa vitale per la pace e la democrazia, ha ricordato in particolare Ales Bialiatski, incarcerato in Bielorussia l'attivista per i diritti umani è stato rappresentato dalla moglie, a lei ha lasciato un messaggio denunciando che tutta la Bielorussia è una prigione e invocando libere elezioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Un tribunale per Putin potrebbe essere controproducente per i Paesi occidentali

Un "Tribunale di Norimberga" per Putin

Aumentano gli appelli per il sostegno a Kiev alla vigilia del Consiglio europeo