Rapinavano tir e portavalori, operazione nel Foggiano

Gli indagati utilizzavano anche armi da guerra
Gli indagati utilizzavano anche armi da guerra
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - FOGGIA, 03 NOV - La Polizia di Stato sta eseguendo, con l'impiego di centinaia di agenti, una serie di arresti nel comune di Cerignola (Foggia) a carico di diverse persone ritenute responsabili dei reati di rapine pluriaggravate ai danni di furgoni portavalori e dei reati fine di rapina in concorso, detenzione e porto illegale in luogo pubblico di armi, anche da guerra, violenza privata e riciclaggio, ricettazioni e sequestro di persona. Le azioni criminali venivano commesse anche mediante l'impiego di disturbatori di frequenza i cosiddetti jammer, per inibire le comunicazioni via radio e smartphone, al fine di impedire i contatti con le sale operative delle Forze dell'ordine e delle ditte di trasporto. Gli appartenenti al sodalizio criminale, per ostacolare o ritardare la reazione da parte delle forze di Polizia e guadagnare più facilmente la fuga, solitamente bloccavano la viabilità con veicoli incendiati. I dettagli dell'operazione di polizia giudiziaria verranno forniti durante una conferenza stampa che si terrà alle ore 11 nella sala riunioni della Questura di Foggia, alla presenza, tra gli altri, del procuratore della Repubblica Ludovico Vaccaro, del direttore Centrale Anticrimine, prefetto Francesco Messina, e del Direttore del Servizio Centrale Operativo Fausto Lamparelli. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scuole sotterranee in Ucraina: a Kharkiv bunker per le lezioni

La madre di Navalny denuncia le autorità russe: "Datemi la salma di mio figlio"

Londra, nuove banconote con l'immagine di re Carlo