Disse 'no' ai nazisti, tornano resti di brigadiere Cc disperso

Metello Mazzei morì 23enne in campo concentramento in Germania
Metello Mazzei morì 23enne in campo concentramento in Germania
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MONTEMURLO (PRATO), 01 NOV - Sono tornati a casa, a Montemurlo (Prato), i resti del brigadiere dei carabinieri Metello Mazzei, dato a lungo per disperso dai familiari e di cui invece ricerche recenti hanno individuato la sepoltura in Germania, dove era stato internato nel campo di concentramento di Dorsten. Metello Mazzei aveva detto di 'no' ai tedeschi, decise di non collaborare, fu messo agli arresti e quindi deportato in Germania dove morì a 23 anni, il 3 marzo 1944, in prigionìa. Ne erano state perse le tracce dall'armistizio dell'8 settembre 1943, che lo colse a Tirana (Albania) dove prestava servizio in un reparto motorizzato dei carabinieri, poi documenti storici valorizzati in questi ultimi anni hanno permesso di rintracciarne la tomba in Germania, al cimitero militare italiano di Amburgo da dove i resti sono stati rimpatriati. Metello Mazzei morì per gli stenti, la fame e la tubercolosi nell'ospedale per i prigionieri italiani. Una cerimonia ufficiale alla caserma 'Perotti' di Coverciano (Firenze) ha riconsegnato l'urna coi resti del brigadiere pratese ai nipoti di Mazzei. Con loro c'era un amico di infanzia del brigadiere, Dante Nesi, 100 anni, pure lui si era arruolato nei carabinieri. I resti sono stati tumulati nel cimitero a Montemurlo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nelle acque siciliane va in scena l'esercitazione della Nato Dynamic Manta

Le notizie del giorno | 27 febbraio - Serale

Polonia, gli agricoltori protestano a Varsavia: "Uscire dal Green Deal dell'Ue"