Kiev, la vita sotto le bombe

Image
Image Diritti d'autore DIMITAR DILKOFF/AFP or licensors
Diritti d'autore DIMITAR DILKOFF/AFP or licensors
Di Natalia LiubchenkovaAlberto de Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le nostre telecamere nel cuore della capitale-martire

PUBBLICITÀ

Questo lunedì ha visto i residenti di Kiev nei rifugi antiaerei per la prima volta da mesi. Mentre le sirene dei raid aerei non si sono mai fermate dall'inizio della guerra in tutto il paese, a Kiev la maggior parte delle persone è tornato a scoprirne il suono

Dice il giovane Anton: "Sentirete lo stesso qui e in tutta la città. Suonano ogni mezz'ora, sette, otto o nove volte".

Un parco pubblico che secondo Mosca è obiettivo militare

Aggiunge Vitaliy Klitschko, sindaco di Kiev: "Vedete le finestre rotte, le infrastrutture sono danneggiate, ma le ripareremo. Ma come riparare la vita delle persone che sono morte ora? Sono persone innocenti, persone comuni della nostra città. Si continuano a diffondere bugie circa una "operazione speciale", ma posso dire che Kiev è stata e rimane l'obiettivo dell'aggressore, l'obiettivo dell'occupante".

Civili vittime dei bombardamenti di Mosca

Migliaia di persone hanno dovuto cercare rifugio nelle stazioni della metropolitana della città. I treni si sono fermati e le stazioni sono tornate disponibili come rifugi.

Euronews ha intervistato due studentesse che erano appena tornati a Kiev per iniziare le lezioni all'università. Vivevano all'estero e questa mattina ha portato brutti ricordi.

Stavolta i telefonini possono testimoniare il comportamento criminale del comando russo

“Siamo molto preoccupate, questo ci ricorda tanto la mattina del 24 febbraio con i bombardamenti in tutta l'Ucraina. Sono tornata da poco qui, avevo programmato di tornare per studiare ma ora sarà di nuovo tutto online e io tornerò (all'estero)".

La metropolitana è il rifugio preferito

Un'altra giovane aggiunge: "È molto difficile tornare ad accettare la guerra, soprattutto quando dopo un po' tutto inizia a stabilizzarsi, ma poi di nuovo l'incubo ricomincia. E torna lo stress. Non sai cosa fare, dove correre e dove nasconderti".

Un razzo esplode di fianco a questa ragazza

È senza appello la condanna del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres che ha detto: "Si tratta di un'inaccettabile escalation e i civili stannoi pagando il prezzo più alto"

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La pazza corsa alla spesa militare in Europa, l'Italia non partecipa

Russia: esonda il fiume Tobol, tremila evacuati

Guerra in Ucraina: colpite infrastrutture energetiche in Russia, almeno due morti a Belgorod