EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

A Salvitelle podisti a piedi nudi corrono tra sassi e spine

Poi i "kamikaze" si medicano le ferite in tinozze di vino
Poi i "kamikaze" si medicano le ferite in tinozze di vino
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SALVITELLE (SALERNO), 28 AGO - Corrono a piedi nudi lungo i sentieri del monte Serra San Giacomo, a quota 902 metri. Accade a Salvitelle, paese presepe del Salernitano. Li chiamano i 'kamikaze' e sono i concorrenti che si sfidano a piedi nudi tra rovi, spine e pietre taglienti per giungere per primi in chiesa e baciare il piede del simulacro della statua di San Sebastiano Martire. La particolare corsa podistica, partenza oggi alle 18, si svolge ogni anno l'ultima domenica del mese di agosto per onorare San Sebastiano Martire. Può parteciparvi chiunque, adulti e bambini, purché residente a Salvitelle. Terminata la gara, i 'kamikaze' si disinfettano le ferite dei piedi immergendoli in tinozze di vino rosso paesano. Gli stessi concorrenti, poi, in serata si sfidano in gare di lotta greco-romana. "Siamo orgogliosi - dichiara il sindaco Maria Antonietta Scelza - di portare avanti questo tradizionale appuntamento che richiama a Salvitelle migliaia di turisti e fedeli in occasione dei festeggiamenti del nostro Santo patrono". La singolare gara ricorda quanto accadde tra la fine del 1700 e gli inizi del 1800 sulla ‪Serra San Giacomo, ‬teatro di una esercitazione di fucilieri francesi. I pastori di Salvitelle sfidarono a piedi nudi i soldati francesi che, invece, indossavano pesanti scarponi. Ovviamente i pastori, a piedi nudi, puntualmente superarono i francesi meglio equipaggiati. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Parigi 2024, la sindaca Hidalgo nuota nella Senna alla vigilia delle Olimpiadi

Berlino: una mostra per ricordare le donne della resistenza contro il nazismo

Austria, i migranti dovranno lavorare per 10 ore a settimana per mantenere diritti e sussidi