This content is not available in your region

Comuni: Lagalla apre dossier morti insepolti, 'grave ferita'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Lavori al cimitero primo atto giunta Palermo,1300 bare in attesa
Lavori al cimitero primo atto giunta Palermo,1300 bare in attesa

(ANSA) – PALERMO, 29 LUG – Il primo atto della nuova giunta
comunale di Palermo, guidata da Roberto Lagalla, è una delibera
per i lavori di manutenzione nei cimiteri cittadini e la
sepoltura delle salme che dall’autunno del 2019 non trovano
sepoltura. Attualmente le bare ammassate dentro depositi e sotto
tendoni di fortuna nel cimitero dei Rotoli sono 1.300.
Un’emergenza che parte dalla precedente amministrazione di
Leoluca Orlando, che per otto mesi, nell’ultimo periodo della
sindacatura, assunse l’interim dell’assessorato che si occupa
della gestione dei cimiteri, ma senza trovare soluzioni. La nuova giunta utilizzerà due milioni assegnati al Comune
con decreto del Dipartimento per gli affari interni e
territoriali, per la manutenzione del vecchio forno crematorio e
la costruzione del nuovo. Saranno inoltre collocati loculi
ipogei e saranno ricavati spazi facendo valere le clausole
contenute nei contratti sulle sepolture. Al cimitero dei Rotoli,
che si estende su un’area di circa 20 ettari, saranno piantati
altri 80 cipressi. “Fin dal giorno del mio insediamento – ha detto il sindaco
Lagalla – l’emergenza al cimitero dei Rotoli è stata al centro
del mio impegno da sindaco. Non è un caso, dunque, che la prima
delibera di giunta abbia riguardato una delle peggiori ferite di
sempre per questa città. Il quadro che ci siamo trovati davanti
è drammatico e l’unica soluzione è stata quella di lavorare
nell’ultimo mese, giorno e notte, per trovare soluzioni.
Finalmente la settimana prossima si partirà con i lavori, per
iniziare a dare risposte concrete ai familiari di quei cari
deceduti e per troppo tempo rimasti ammassati nel deposito dei
Rotoli e alla città che guarda con sgomento a questa vicenda”.
(ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.