This content is not available in your region

La Gironda francese inghiottita dai roghi: 19mila ettari di boschi in cenere

Access to the comments Commenti
Di Anelise Borges
euronews_icons_loading
un vigile del fuoco al lavoro durante un incendio boschivo a La Test-de-Buch, nel sud-ovest della Francia, lunedì 18 luglio 2022
un vigile del fuoco al lavoro durante un incendio boschivo a La Test-de-Buch, nel sud-ovest della Francia, lunedì 18 luglio 2022   -   Diritti d'autore  AP/AP

Diciannovemila ettari di terreno ridotti in cenere. È la conta dei danni prodotti dai due giganteschi incendi che dal 12 luglio hanno inghiottito i boschi nel dipartimento della Gironda francese. 

Quasi 35mila persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case, secondo il sottoprefetto di Arcachon, Ronan Léaustic; mentre vigili e squadre di soccorso, che da una settimana cercano disperatamente di contenere i roghi, hanno dovuto ricorrere a misure drastiche, per evitare che il vento possa portare le fiamme definitivamente fuori controllo

AP/AP
un vigile al lavoro durante un incendio boschivo a La Test-de-Buch, nel sud-ovest della Francia, lunedì 18 luglio 2022AP/AP

"Stiamo tagliando gli alberi per evitare che la foresta continui a bruciare" ha spiegato un vigile a Euronews. "Se il vento dovesse cambiare, il fuoco prenderebbe un'altra direzione. Per il momento il vento non è accaduto ma se lo facesse le fiamme potrebbero divampare in altre direzioni".

All'origine dei roghi secondo gli inquirenti, ci sarebbe un veicolo andato a fuoco per via di un guasto: qualche giorno addietro, la premier Elisabeth Borne aveva parlato di un modello elettrico, una circostanza che al momento non è ancora confermata.

Philippe Lopez/AFP or licensors
Un vigile del fuoco spruzza acqua mentre il fumo si alza in un incendio boschivo vicino a Louchats, in Gironda, nel sud-ovest della Francia, lunedì 18 luglio 2022Philippe Lopez/AFP or licensors

 Proprio il forte vento, insieme alla siccità, hanno determinato una situazione disperata nella notte tra lunedì e martedì: leforti raffiche hanno spinto le fiamme in avanti su più lati, costringendo gli oltre 2mila pompieri dispiegati in zona a riposizionarsi costantemente.

Il loro lavoro a partire da questo martedì dovrebbe tuttavia essere facilitato dal clima più mite atteso nella regione, con le temperature dovrebbero scendere tra i 14 e i 20 gradi Celsius