This content is not available in your region

Mondiali 2022: la Costa Rica è la 32ma sfidante

Access to the comments Commenti
Di Ludovica Longo
euronews_icons_loading
Celebrazioni per la qualifica della Costa Rica ai mondiali
Celebrazioni per la qualifica della Costa Rica ai mondiali   -   Diritti d'autore  AFP

La Costa Rica ha battuto la Nuova Zelanda 1-0 nell'ultimo spareggio intercontinentale ed è cosi diventata la 32ma squadra che parteciperà alla Coppa del Mondo di quest'anno in Qatar.

L'evento sportivo più seguito al mondo prevede una fase iniziale a gironi di 32 squadre che si affronteranno in 8 gruppi da 4.

Sussistono tuttavia preoccupazioni sull'idoneità del Qatar a ospitare il torneo . Gli attivisti hanno evidenziato le presunte violazioni dei diritti umani che si sarebbero verificate nel paese per gran parte degli 11 anni che hanno seguito la candidatura del Qatar.

Amnesty International l'ha definita senza mezzi termini "la Coppa del Mondo della vergogna".

"Data la storia delle violazioni dei diritti umani nel Paese, la FIFA sapeva - o avrebbe dovuto sapere - degli ovvi rischi per i lavoratori quando ha assegnato il torneo al Qatar. Ciononostante, nella valutazione della candidatura del Qatar non è stata fatta alcuna menzione dei lavoratori o dei diritti umani e non sono state poste condizioni per la tutela del lavoro. Da allora la Fifa ha fatto troppo poco per prevenire o mitigare questi rischi", ha dichiarato Agnès Callamard, segretario generale di Amnesty International.

Per porre rimedio agli abusi commessi dal 2010, quando la Fifa ha selezionato il Qatar senza richiedere alcun miglioramento delle tutele del lavoro, molte organizzazioni hanno chiesto a Fifa di " riservare un importo non inferiore ai 440 milioni di dollari dei montepremi offerti alle squadreche partecipano alla Coppa del Mondo, per fondi a sostegno di un risarcimento" dei lavoratori vittime di abusi.

Secondo un report pubblicato a maggio da Amnesty International, la somma di 440 milioni di dollari sarà probabilmente il minimo necessario per coprire una serie di costi di risarcimento e per sostenere iniziative volte a proteggere i diritti dei lavoratori in futuro. Tuttavia, la somma totale per il rimborso dei salari non pagati, delle tasse di reclutamento pagate a cifre esorbitanti da centinaia di migliaia di lavoratori e dei risarcimenti per gli infortuni e i decessi potrebbe essere più alta e dovrebbe essere valutata nell'ambito di un processo partecipativo con i sindacati, le organizzazioni della società civile, l'Organizzazione internazionale del lavoro e altri soggetti. 

"Anche se potrebbe essere troppo tardi per cancellare le sofferenze degli abusi del passato, la FIFA e il Qatar possono e devono agire per fornire un risarcimento e prevenire ulteriori abusi. Garantire un risarcimento ai lavoratori che hanno dato tanto per la realizzazione del torneo e adottare misure per garantire che tali abusi non si ripetano mai più, potrebbe rappresentare una svolta importante nell'impegno della FIFA a rispettare i diritti umani", ha dichiarato Agnès Callamard.