EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Regno Unito, Johnson si scusa per aver partecipato a una festa in piena pandemia

Screengrab
Screengrab Diritti d'autore from AFP video
Diritti d'autore from AFP video
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il premiern ha detto ai parlamentari della Camera dei Comuni: "Non mi è venuto in mente che il raduno fosse una festa"

PUBBLICITÀ

Il primo ministro britannico Boris Johnson si è scusato "di tutto cuore" per aver partecipato a una festa illegale durante il blocco pandemico, ma dice di non aver consapevolmente violato le regole o fuorviato il Parlamento.

Johnson ha detto ai parlamentari della Camera dei Comuni: "Non mi è venuto in mente che il raduno fosse una festa".

from AFP video
Screengrabfrom AFP video

"Lasciatemi dire - afferma Johnson - non a titolo di scusante ma perché spiega le mie parole precedenti in quest'aula, che non mi è venuto in mente, né allora né in seguito, che una riunione dello staff poco prima di un vertice essenziale sulla strategia contro il coronavirus potesse costituire una violazione delle regole.

Ribadisco che è stato un mio errore e me ne scuso senza riserve".

La scorsa settimana, per aver partecipato alla sua festa di compleanno a sorpresa al n. 10 di Downing St. nel giugno 2020, Johnson è stato multato di 50 sterline, diventando il primo leader britannico moderno ad essere sanzionato per aver infranto la legge.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito: Boris Johnson affronta il voto di sfiducia del suo partito

Regno Unito, elezioni amministrative: i conservatori perdono terreno

Pronto soccorso al collasso in Italia e in Spagna: troppi ricoveri per virus influenzali e Covid