This content is not available in your region

Guerra russo-ucraina, trascorsi 50 giorni dall'inizio dell'invasione

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Rodrigo Abd/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Sono trascorsi 50 giorni da quando la Russia ha invaso l'Ucraina: secondo l'Istituto per lo studio della guerra (ISW), le affermazioni russe che prevedono una resa di massa degli ucraini sono probabilmente false, anche se le forze russe hanno continuato a prendere terreno a Mariupol.

Vediamo come è iniziato l'assedio di Mariupol: le truppe russe hanno avviato l'accerchiamento della città all'inizio di marzo, l'assedio ha ucciso migliaia di civili.

Dalle immagini si nota come la situazione sia cambiata sul campo, da inizio marzo a metà aprile.

Fate attenzione alle direzioni dell'offensiva russa: le truppe sono arrivate da est - Mariupol è a soli 60 km dal confine con la Russia - e da sud - dall'annessa Crimea.

Hanno attaccato Mariupol con artiglieria, razzi e missili - danneggiando o distruggendo più del 90% della città: hanno anche tagliato l'accesso all'elettricità, al riscaldamento, all'acqua potabile, al cibo e alle forniture mediche.

I corridoi umanitari dovevano portare aiuti a Mariupol e poi evacuare i civili via Berdyansk a Zaporizhzhya.

Un convoglio di aiuti umanitari accompagnato dalla Croce Rossa cerca da giorni, senza successo, di entrare in città.

Nell'Est, le forze russe hanno condotto solo piccoli attacchi recenti a sud di Izyum.

Le truppe ucraine hanno fatto saltare un ponte che conduceva i militari russi proprio ad Izyum, secondo fonti militari.

Intanto, il ministero della Difesa britannico avverte: i centri urbani hanno affrontato ripetuti attacchi per mano della Russia durante il conflitto.

Le città di Kramatorsk e Kostiantynivka saranno probabilmente obiettivi russi, considerati i simili livelli di violenza raggiunti.