EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ministro degli Esteri slovacco ad Euronews: "Inviati all'Ucraina missili S300"

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Olivier Matthys/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Olivier Matthys/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Slovacchia ha deciso di giocare un ruolo decisivo nel rafforzamento del sistema di difesa dell'Ucraina

PUBBLICITÀ

La Slovacchia ha deciso di giocare un ruolo decisivo nel rafforzamento del sistema di difesa dell'Ucraina: con i suoi confini a pochi chilometri dai centri operativi, la Slovacchia ha già inviato all'Ucraina missili S300, che la Russia sostiene di aver distrutto mentre Kiev e Bratislava negano.

Allo stesso tempo, la Slovacchia ha aperto la discussione per un possibile trasferimento in Ucraina di MiG-29, jet da combattimento di costruzione sovietica.

Il ministro degli Esteri slovacco, Ivan Korcok, in esclusiva ad Euronews spiega cosa ha fatto cambiare atteggiamento al suo Paese.

"Prima di tutto - dice - dobbiamo vedere la realtà così com'è: l'Ucraina è diventata il bersaglio di un'aggressione militare senza precedenti e non provocata.

La Russia continua queste operazioni militari e l'Ucraina ha il diritto legale di difendersi: l'Ucraina ha chiesto assistenza militare per un bel po' di tempo, poi è arrivata una nuova richiesta di aiuti con questo tipo di missili, assolutamente necessario per proteggere i civili e le infrastrutture distrutte dalla Russia.

Così, in quel momento abbiamo iniziato a considerare se saremmo stati in grado di fornirli ed in che misura sostituirli con altri sistemi di difesa.

Non vogliamo indebolire la difesa aerea slovacca: nel momento in cui questa è assicurata, abbiamo preso la decisione di inviare S300 in Ucraina.

Devo ripetere che si tratta di un sistema difensivo: non ci sarebbe alcun dibattito sui missili se non ci fosse quest'illegale assalto russo e i civili che vengono uccisi mentre parliamo.

Non avremmo mai preso in considerazione tale eventualità, ma questa è una situazione che richiede questo tipo di decisioni".

Olivier Matthys/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoOlivier Matthys/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

La Slovacchia rafforzerà la sua difesa: si sente minacciato?

"Minacciato? La guerra si sta svolgendo alla porta accanto - dice Korcok - ci sono stati assalti e attacchi missilistici proprio dall'altra parte del confine.

Posso dirvi che la pista dell'aeroporto di Uzhhorod è in realtà a 200 metri dal confine slovacco, penso che il senso di responsabilità ci chiama a rafforzare la nostra difesa aerea, e lo stiamo facendo.

Abbiamo già ricevuto tre batterie di missili Patriot nell'ambito della presenza avanzata della Nato, inoltre una quarta batteria è stata dispiegata dagli Stati Uniti in Slovacchia".

Intervenendo al Forum economico di Delfi, Korcok ha sottolineato che è imperativo che sia la Macedonia del Nord che l'Albania ricevano una data immediata per l'inizio dei negoziati di adesione, al più tardi entro giugno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Slovacchia, coda ai valichi di frontiera: "Circa 10mila rifugiati ucraini al giorno"

Irlanda del Nord, la sfida elettorale tra cattolici nazionalisti e protestanti lealisti

Euro 2024: vincono Austria e Ucraina, pari tra Paesi Bassi e Francia