This content is not available in your region

Presidenziali francesi, Marine Le Pen strattonata in Guadalupa

Access to the comments Commenti
Di euronews
Marine Le Pen
Marine Le Pen   -   Diritti d'autore  Ludovic Marin/AP

Un gruppo di una ventina di manifestanti nazionalisti della Guadalupa, territorio francese nei Caraibi, hanno interrotto in modo aggressivo una trasmissione televisiva che Marine Le Pen stava registrando nel suo hotel nella cittadina di Gosier, minacciando e spintonando la candidata del Rassemblement National alle presidenziali e le sue guardie del corpo. Ha subito preso le distanze dall'episodio il presidente Emmanuel Macron, che si è detto "scioccato" per l'aggressione.

I manifestanti, presentati come nazionalisti, hanno invaso l'hotel dove la Le Pen stava registrando. Per la delegazione che accompagnava la candidata, si trattava invece di manifestanti "di estrema sinistra" che l'hanno "spintonato piuttosto violentemente".

Il suo addetto stampa ha riferito di aver ricevuto "un colpo alla schiena" e che i manifestanti hanno "strappato il

microfono" dalle mani di Marine Le Pen. Secondo l'emittente Guadalupe la Première, che registrava il programma, i dimostranti erano di diverse organizzazioni nazionalistiche della Guadalupa, fra cui l'Alleanza nazionale Guadalupe (ANG).

"Non ci sono stati veri scontri né violenze - è la versione dell'emittente - ma un'intimidazione nei confronti di Marine Le Pen. Nelle immagini che sono state diffuse dall'emittente e che circolano sui social da diverse ore, si vede la guardia del corpo di Marine Le Pen afferrare la candidata e proteggerla con il proprio corpo e la candidata abbassare la testa. I manifestanti gridavano "fuori", "razzista" contro la Le Pen.

Macron, parlando davanti alle telecamere di France 3, si è detto "scioccato" per "l'episodio assolutamente inaccettabile" dell'intimidazione a Marine Le Pen: "questi episodi mi scioccano e li condanno con la massima fermezza", ha detto il presidente, denunciando "tutte le forme di violenza" nel dibattito politico in vista delle presidenziali del 10 e del 24 aprile.

Risorse addizionali per questo articolo • Ansa