This content is not available in your region

Così, la brexit sta lasciando senza manodopera l'agricoltura britannica

Access to the comments Commenti
Di Luke Hanrahan
euronews_icons_loading
Così, la brexit sta lasciando senza manodopera l'agricoltura britannica
Diritti d'autore  Euronews

Tra gravi carenze di manodopera nei campi e negli impianti imballaggio, anche quest'anno si prospetta duro per i coltivatori della Gran Bretagna. 

Da 13 anni, Daniel Papuca, originario della Slovacchia, lavora in un'azienda per la coltivazione di tuberi sulla costa meridionale dell'Inghilterra.  

"Ci sono carenze non solo negli impianti, ma anche negli uffici e in altre posizioni" spiega ad Euronews. "Attualmente sto cercando anche due membri per il mio team, ed è una sfida".

Duecento miglia più in là, nelle pianure del Lincolnshire, non si coltivano tuberi ma fiori: ma questi campi sono assai più carenti di lavoratori in questo periodo dell'anno, con migliaia di narcisi non raccolti ,seppur già in fiore.

In alcune fattorie dell'East Anglia,  come la Taylor's Bulbs, tra le più grandi della Gran Bretagna, si è deciso di non impiegare molti cittadini europei quest'anno: il che, oltre a non essere troppo conveniente dal punto di vista finanziario, significa che milioni di fiori non verranno raccolti.

Per anni, in effetti, i coltivatori si sono affidati alla manodopera dell'Europa dell'est. L'anno scorso - a causa, in gran parte, dell'entrata in vigore di Brexit - circa 275 milioni di steli sono rimasti nel terreno

Quest'anno - alcuni coltivatori si aspettano che fino al75% delle loro culture non verranno raccolte a causa della mancanza di lavoratori.

"Chi ha un'azienda di fiori - spiega Adam Taylor, direttore della Taylor's Bulbs - ha dovuto sedersi intorno al tavolo del consiglio di amministrazione e prendere il tipo di decisioni che abbiamo preso noi: ed è dura".

Nell'azienda - a causa di problemi relativi all'esportazione di fiori nell'Unione reuropea -. hanno semplicemente deciso di ridurre la quantità di narcisi raccolto. Impiegando molte meno persone.

"La decisione di non esportare - continua Taylor - significa soltanto che ci saranno più fiori che la gente potrà ammirare mentre passa in auto".

L'anno scorso 750.000 zucchine sono state lasciate a marcire in questa fattoria. 

Quest'anno - mentre è divenuto più facile accedere ai lavoratori stagionali - Il governo ha aumentato sia il salario minimo che la paga degli stagionali: il tutto per incoraggiare gli agricoltori ad assumere inglesi e gli inglesi ad accettare lavori nelle fattorie britanniche

Ma per ora, la strategia non ha funzionato

"L'impatto a lungo termine - illustra Julian Marks, titolare di un'altra azienda, la Barfoots of Botley - è che dovremo prendere decisioni sulla sostenibilità di alcune colture. Saremo in grado di continuare a coltivarle nel Regno Unito? Se non potremo, dovremo uscirne e non avranno più la bandiera britannica sulla confezione".

Con la produzione di cibo più costosa e il reperimento di personale ancora arduo, molte delle fattorie britanniche stanno iniziando a produrre sempre meno. Lasciando purtroppo i raccolti a marcire