This content is not available in your region

Ucraina: Papa, armi non sono soluzione, lavorare per la pace

Access to the comments Commenti
Di ANSA
"L'odio per la guerra l'ho imparato da mio nonno"
"L'odio per la guerra l'ho imparato da mio nonno"

(ANSA) – CITTÀDELVATICANO, 23 MAR – Il Papa, nell’udienza
generale, parlando della guerra in Ucraina, ha chiesto di
pregare perché “i governanti capiscano che comprare armi e fare
armi non è la soluzione al problema. La soluzione è lavorare
insieme per la pace”. “Con la guerra tutto si perde, tutto, non c‘è vittoria in una
guerra, tutto è sconfitto. Che il Signore invii il suo Spirito
perché ci faccia capire che la guerra è una sconfitta
dell’umanità” e “ci liberi da questo bisogno di
autodistruzione”, ha detto ancora il Papa. “Le notizie delle
persone sfollate, delle persone che fuggono, persone morte,
persone ferite, tanti soldati caduti da una parta e dall’altra,
sono notizie di morte. Chiediamo al Signore della vita che ci
liberi da questa morte della guerra”, ha aggiunto il Papa
chiedendo di unirsi in preghiera a lui il 25 marzo quando
consacrerà la Russia e l’Ucraina al Cuore immacolato di Maria. Poi, parlando dell’importanza del rapporto tra gli anziani e
le giovani generazioni, ha confidato: “Io posso dare una
testimonianza personale. L’odio e la rabbia alla guerra io l’ho
imparato da mio nonno che aveva fatto il Piave nel ‘14 e lui mi
ha trasmesso questa rabbia alla guerra perché mi ha raccontato
le sofferenze della guerra e questo non si impara sui libri, si
impara trasmettendolo dai nonni ai nipoti”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.