This content is not available in your region

Come la metropolitana ha rivoluzionato la mobilità a Giacarta

Di Damon Embling
euronews_icons_loading
Come la metropolitana ha rivoluzionato la mobilità a Giacarta
Diritti d'autore  euronews

Giacarta è stata a lungo una delle tre città più congestionate del mondo. Grazie alla tecnologia e al know-how giapponese c'è un nuovo modo per spostarsi in questa metropoli di 30 milioni di persone: la prima metropolitana della città è uno dei progetti di trasporto sostenibile più ambiziosi del mondo.

Muhammad Iqbal è nato e cresciuto a Giacarta: il tragitto quotidiano verso il lavoro oggi è molto più agevole di un tempo. Non passa più ore bloccato nel traffico con la sua moto: la metropolitana ha reso tutto più semplice. "Ora arrivo sempre puntuale in ufficio - dice Iqbal -. Inoltre ho una nuova abitudine con la mia famiglia: ogni fine settimana, grazie alla metro, posso andare con mia moglie e i miei figli a fare una gita nella foresta cittadina nel centro di Giacarta.

La prima linea è stata aperta nel 2019 e si estende per quasi 16 chilometri, collegando Giacarta sud al centro. In auto ci vorrebbero due ore, con la metropolitana solo diciotto minuti. Elogiata dai pendolari per la sua puntualità, la metropolitana è stata realizzata con il contributo del Giappone, che ha fornito tecnologia e finanziamenti per la realizzazione di treni leggeri ed efficienti dal punto di vista energetico.

"A Giacarta con l'aumento della popolazione è aumentato anche il numero di veicoli - dice Honzu Shigeo dell'Agenzia di cooperazione internazionale del Giappone (Jica) -. Questo ha causato ingorghi e un maggiore inquinamento dell'aria. Per affrontare questa situazione, il governo indonesiano ha deciso di usare la tecnologia e la conoscenza giapponese per sviluppare un sistema di trasporto pubblico". 

Euronews
Stando agli studi dell'Università dell'Indonesia le emissioni di Co2 a Giacarta sono diminuite del 18% da quando la metropolitana è stata aperta nel 2019Euronews

Milioni di passeggeri usano la metropolitana ogni anno. Nella capitale indonesiana le abitudini di viaggio stanno cambiando: sempre più persone si spostano a piedi e in bicicletta. Stando agli studi dell'Università dell'Indonesia le emissioni sono già diminuite del 18%. La linea continuerà ad espandersi. È già in corso la costruzione della seconda tratta della metropolitana, lunga quasi 12 chilometri. Anche questa costruita con l'aiuto del Giappone.

"Quando sarà completata collegherà Giacarta sud a Giacarta nord", dice la direttrice dei lavori Silvia Halim. "Dobbiamo costruire tunnel verticali e una stazione sotterranea vicino al canale - aggiunge Daisuke Nanjo, uno degli ingegneri che sta lavorando alla costruzione della nuova linea -. Lavorare in queste condizioni è molto difficile. Inoltre, sono state scoperte delle rovine intorno alla stazione, quindi sarà un lavoro ancora più complesso. Ma il nostro obiettivo è di finire i lavori di costruzione in tempo".

Le competenze e l'esperienza del Giappone nel settore dei trasporti sono fondamentali per la costruzione e la manutenzione della linea, oltre che per la formazione dei macchinisti e del personale delle stazioni. "Hanno messo a disposizione le loro competenze nel sistema metropolitano e ferroviario, sotto l'aspetto della pianificazione, dello sviluppo, dell'ingegneria e della costruzione - dice Halim -. Siamo stati in grado di strabilire nuovi standard grazie alla cooperazione con gli appaltatori, i consulenti e gli operatori giapponesi".