Anno giudiziario: Ancona, "preziosa opera Capo dello Stato"

Catelli, "grazie per azione sostegno Giustizia e Magistratura"
Catelli, "grazie per azione sostegno Giustizia e Magistratura"
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANCONA, 22 GEN - Aprendo l'Anno giudiziario nelle Marche, al Palazzo di Giustizia di Ancona in una cerimonia 'ristretta' nei tempi e nelle presenze per rispetto delle norme anti-Covid, il presidente della Corte d'appello di Ancona Luigi Catelli ha rivolto un saluto "con deferenza" al Capo dello Stato Sergio Mattarella, "supremo garante della Costituzione" cui il magistrato ha rivolto "un sentito ringraziamento per la preziosa opera svolta durante il suo mandato nell'interesse della Nazione e, in particolare, a sostegno della giustizia e dei principi fondamentali di autonomia ed indipendenza della Magistratura". Ad Ancona partecipano alla cerimonia solo rappresentanti delle istituzioni, autorità civili e militari, tra le quali il presidente della Regione Francesco Acquaroli, uno dei tre 'grandi elettori' dalle Marche che saranno a Roma da lunedì per l'inizio delle votazioni per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica. Concludendo il proprio intervento, Catelli ha ripreso concetti espressi dal Presidente Mattarella: "l'autonomia e l'indipendenza della Magistrature e delle altre Istituzioni di garanzia costituiscono un bene comune, da salvaguardare e preservare nell'interesse di tutti; la Costituzione non appartiene alla maggioranza o all'opposizione, ma è un insieme di valori, patrimonio di ogni cittadino, delle generazioni presenti e di quelle future". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: Israele accetta la proposta per il cessate il fuoco, "ora spetta ad Hamas"

Mar Rosso: affonda la Rubymar attaccata dagli Houthi

Roma, il cancelliere tedesco Scholz a colloquio privato con Papa Francesco