This content is not available in your region

Quebec, no alcol ai no-vax. Nuova restrizione per convincere le persone a vaccinarsi

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Vaccinazioni
Vaccinazioni   -   Diritti d'autore  Diritti d'autore: Mary Altaffer/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Niente vaccino...niente drink alcolici. Da questo martedì in Quebec i negozi che vendono alcol e cannabis, che è legale dall’ottobre 2018, non sono più accessibili ai non vaccinati.

E così dopo l’entrata in vigore di questa normativa gli appuntamenti per la vaccinazione della prima dose sono quadruplicati nel corso di una giornata. Questa non è l'unica restrizione che la regione francofona del Canada ha messo in atto per far fronte all'epidemia e all’ondata di contagi da Omicron.

Attualmente nella regione solo chi è vaccinato più accedere a strutture sanitarie, impianti sportivi, cinema, bar e club, con esenzioni per i bambini di età inferiore ai 13 anni. Inoltre molto presto i no vax non potranno più accedere anche a molti negozi con beni non essenziali mentre è allo studio un disegno di legge per imporre una tassa a chi rifiuterà il vaccino. Inoltre è stato istituito il coprifuoco dalle 22 alle 5.

Quasi l'82% della popolazione di età superiore ai 5 anni ha ricevuto due dosi del vaccino, ma il Quebec è la provincia canadese più colpita dalla variante Omicron. I ricoveri sono alle stelle in questa regione dove il sistema sanitario è indebolito dalla mancanza di personale. Secondo il ministero della sanita i nuovi casi sono passati in un mese da tremila a 40 mila.