Belìce: protesta sindaco Santa Margherita travestito da fantasma

Videomessaggio su Facebook: "Per lo Stato non esistiamo"
Videomessaggio su Facebook: "Per lo Stato non esistiamo"
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SANTA MARGHERITA DI BELICE, 15 GEN - "Per il governo il mio comune non esiste". Lo ha detto Franco Valenti, sindaco di Santa Margherita di Belice (Agrigento) che sul suo profilo Facebook ha pubblicato un videomessaggio travestito da fantasma, coperto da un lenzuolo bianco bardato dalla fascia tricolore. Nel cinquantaquattresimo anniversario del sisma che la notte tra il 14 e il 15 gennaio del 1968, Valenti ha detto che "a Santa Margherita il tempo si è fermato al momento del terremoto. La ferita - ha aggiunto il primo cittadino - è rimasta aperta, perché noi abbiamo ancora 84 prime unità abitative da ricostruire e un intero quartiere tuttora sprovvisto di opere di urbanizzazione primaria: tutto questo è scandaloso". Non è la prima volta che il sindaco margheritese assume iniziative eclatanti. Due anni fa fece riunire il consiglio comunale in trasferta a Roma, in piazza Montecitorio. "Lo Stato è in debito con le nostre comunità, ed è giusto il momento di onorarlo. E oggi, con i fondi del Pnrr, non ha più scuse". Servono circa 300 milioni di euro per completare definitivamente le opere in tutti i comuni interessati, tra interventi dei privati e opere pubbliche, compresa la rimozione dell'amianto delle ultime baraccopoli. "È giunto il momento di dire basta, il governo ci consideri cittadini, e non fantasmi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

G7 a Capri, si apre la seconda giornata: in agenda aiuti all'Ucraina e l'escalation in Medio Oriente

Germania: arrestate due spie russe, volevano sabotare gli aiuti a Kiev

Operazione Shields: il comandante chiede più mezzi nel Mar Rosso