This content is not available in your region

Macron presenta il semestre francese in Europa

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Macron presenta il semestre francese in Europa
Diritti d'autore  STEPHANE DE SAKUTIN / AFP

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto ai giornalisti che la prossima presidenza francese dell'Unione europea mirerà a "muoversi verso un'Europa potente nel mondo, un'Europa pienamente sovrana, libera dalle proprie scelte e capace di dominare il proprio destino".

Il mandato di sei mesi, che inizierà il 1° gennaio, si sovrappone alle elezioni presidenziali del paese.

Ecco sei passaggi dal discorso di Macron mentre svelava le priorità di Parigi per la presidenza di turno del blocco di 27 nazioni.

1. Verso una riforma di Schengen

Macron ha detto ai giornalisti che desidera un'Europa "in grado di controllare i propri confini" e che introdurrà una riforma dell'area di libera circolazione di Schengen.

"Per evitare che il diritto d'asilo, che è stato inventato nel continente europeo e che è un nostro onore, venga utilizzato in modo improprio, dobbiamo assolutamente trovare un'Europa che sappia proteggere i suoi confini e trovare un'organizzazione politica che ci metta in condizione di difendere i suoi valori, motivo per cui avvieremo, sotto questa presidenza, una riforma dell'area Schengen", ha affermato.

Il presidente ha anche citato "tentativi di destabilizzazione, e tensioni anche fra i nostri vicini".

Negli ultimi mesi la UE ha accusato la Bielorussia di incoraggiare i richiedenti asilo ad attraversare il paese verso i vicini paesi membri dell'UE, Polonia, Lituania e Lettonia.

2. Difendere il modello sociale europeo

Macron ha sottolineato "la difesa del nostro modello sociale", chiedendo "un modello di produzione ma anche di solidarietà". Il 10 e 11 marzo la Francia terrà "un vertice eccezionale attorno a un nuovo modello europeo di crescita e investimento", ha affermato il leader francese.

L'economia post-COVID del blocco ha bisogno di nuove regole di bilancio, ha ripetuto Macron ai giornalisti.

Basandosi sul successo del programma Erasmus, Macron ha anche affermato di volere un "servizio civico europeo" di sei mesi per tutti i giovani sotto i 25 anni.

3. "Conciliare le ambizioni climatiche e lo sviluppo economico"

Il presidente francese ha promesso di "conciliare le ambizioni climatiche e lo sviluppo economico" e ha delineato i piani per la nuova tassa sul carbonio alle frontiere dell'UE.

"Sotto la presidenza francese, uno dei nostri obiettivi sarà l'attuazione del meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere, la famosa "tassa" sul carbonio alle frontiere d'Europa, che ci consentirà di realizzare questa transizione per tutte le nostre industrie, preservando la nostra competitività", ha detto Macron ai giornalisti.

"Gli attori economici europei non possono essere vittime degli sforzi" per affrontare il cambiamento climatico, ha insistito.

4. La trasformazione digitale tra le "priorità massime"

Macron ha quindi delineato i piani per "trasformare l'Europa in una potenza digitale".

Attualmente sono in corso a livello UE due pacchetti legislativi, il Digital Services Act e il Digital Market Act, che saranno "priorità massime" della presidenza francese.

Ha aggiunto che avrebbero contribuito alla "regolamentazione e responsabilità delle piattaforme".

5. Stato di diritto 'non negoziabile'

Sul dibattito sullo stato di diritto che ha diviso l'Europa occidentale e orientale, Macron ha avvertito: "queste sono questioni esistenziali, non possono essere negoziate".

Rispondendo a una domanda sull'ungherese Viktor Orban, che incontrerà a breve, il leader francese ha dichiarato: "È un avversario politico ma è un partner europeo".

"Dobbiamo lavorare insieme per l'Europa", ha aggiunto.

6. Macron minimizza le interferenze con la corsa presidenziale francese

Macron ha affrontato critiche, sia nelle capitali europee che in patria, per non aver rinviato la presidenza francese dell'UE, il che potrebbe metterlo in una posizione difficile se si batte per la rielezione.

Alla conferenza stampa ha detto che "la Francia rimarrà la Francia" indipendentemente da chi vincerà le elezioni e ha promesso che avrebbe governato "fino ai minuti finali del suo mandato".

Sebbene sia ampiamente previsto che si candiderà, Macron deve ancora dichiarare formalmente se cercherà un secondo mandato.

Interrogato dai giornalisti, ha però rifiutato di confermare la sua candidatura visto che, in genere, i presidenti uscenti attendono davvero l'ultimo momento per ufficializzare le loro intenzioni. Una candidatura che però quasi nessuno osa mettere in dubbio.

"Proverò a svolgere il compito che mi è stato assegnato. Abbiamo ancora molto lavoro da fare per combattere l'epidemia", ha concluso.