This content is not available in your region

Tim: Vivendi scettica dopo la manifestazione d'interesse di KKR

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Tim
Tim   -   Diritti d'autore  Euronews

Grandi manovre in casa Tim. Il gruppo italiano di telefonia è al centro di un tentativo di scalata da parte di KKR, società di private equity americana che detiene il 37,5% di FiberCop, a sua volta controllata dalla stessa TIM con il 58% delle quote.

Il presidente di Tim, Salvatore Rossi, ha convocato d'urgenza un consiglio di amministrazione straordinario per spiegare i dettagli dell'operazione: un'offerta pubblica di acquisto sul 100% delle azioni ad un prezzo pari a 50 centesimi.

Il governo ha certo voce in capitolo perché Tim detiene la principale infrastruttura di rete del Paese, ma anche perché un’eventuale società per la rete unica - sempre in cantiere - non potrebbe non avere come socio lo Stato.

L'esecutivo potrebbe invocare il golden power per fermare l'opa.

Il titolo vola in borsa e spunta il supercomitato per valutare il dossier

Vola in borsa il titolo TIM dopo la proposta amichevole di acquisto del gruppo americano KKR intenzionato a lanciare un'opa; 50 centesimi per azione il prezzo. Teso già in pre apertura il titolo è arrivato a toccare il più 27 % a fine mattinata e il 33 % nel pomeriggio, boom di scambi. 

L'effetto volata trascina anche il socio di Tim Vivendi che a Parigi guadagna quasi 3 punti percentuali. Bene tutto il settore che segue la volata (Vodafone +2,1%, Orange +1,9% a Parigi, Deutsche Telecom +2% a Francoforte, Telefonica +4,9% a Madrid.

Nonostante l'effetto traino la borsa di Milano non riesce a uscire dalle secche in cui la nuova ondata di covid 19 getta le borse europee e a fine mattinata è comunque dietro a Francoforte, Parigi e Londra con un meno 0,21 %.

Intanto Dalla Lega alla CGIL al M5s crescono le pressioni sull'esecutivo per la tutela di un'infrastruttura strategica come la rete di telecomunicazione; il governo, attraverso una nota del MEF, benedice l'înteresse degli investitori per aziende nostrane ma assicura, testuale "attenta valutazione dei progetti anche riguardo all'esercizio delle proprie prerogative" leggi golden share. L'esecutivo potrebbe anche lanciare un supercomitato per valutare il dossier Tim.

Le reazioni il giorno dopo, Vivendi contrasta un offerta "insufficiente"

Il giorno dopo Vivendi contrasta un'offerta che "Non riflette il valore reale di TIM, che è insufficiente", fa trapelare il gruppo. Frizioni tra i francesi e i vertici del gruppo italiano di telefonia si erano già registrate in passato.

Il gruppo di lavoro creato dal governo per seguire la vicenda Tim potrebbe riunirsi già in settimana, per fare un primo esame delle carte, dopo la manifestazione di interesse presentata dal fondo americano Kkr, il presidente di Confindustria benedice l'interessamento di palazzo Chigi e anche Italia Viva dice "Ci affidiamo a Draghi".

"Le reti TLC sono un asset strategico del Paese e un punto chiave del Pnrr. Per questo il futuro di Tim va seguito dal governo con la massima attenzione, rapportandosi con il Parlamento e mettendo al centro l'occupazione e la sicurezza nazionale", ha dichiarato Antonio Misiani, responsabile economia e finanze nella segreteria nazionale del Pd.

Secondo il segretario della Cgil Maurizio Landini "in un settore strategico come quello delle telecomunicazioni lo Stato italiano non può subire semplicemente la logica del mercato", su posizioni simili la sinistra radicale; l'esecutivo fa sapere, senza sbilanciarsi in discorsi sull'italianità dell'infrastruttura, che saranno due i pilastri che si curerà di difendere: occupazione e investimenti.

Per il segretario della Lega Matteo Salvini: "Visti i non brillanti risultati degli ultimi mesi, il cambio ai vertici auspicato da più parti pare tema non più rinviabile".