This content is not available in your region

USA vietati a chi si è vaccinato con Sputnik V

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
USA vietati a chi si è vaccinato con Sputnik V
Diritti d'autore  Rick Bowmer/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

Delusione fra i viaggiatori ungheresi desiderosi di andare negli Stati Uniti. Con le nuove regole adottate da Washington l'ingresso nel Paese viene negato a coloro che sono stati vaccinati col siero russo Sputnik V.

Gli Stati Uniti accettano i vaccini approvati dalla Food and Drug Administration o dall'Organizzazione mondiale della sanità come Pfizer, Moderna, Johnson & Johnson, Astra Zeneca, anche i cinesi Sinopharm e Sinovac, ma non lo Sputnik V.

La diffusione globale dello Sputnik

Sputnik è utilizzato in circa 70 paesi in tutto il mondo e fra i vaccinati ci sono circa un milione di cittadini ungheresi. L'Ungheria insieme alla Slovacchia è stata l'unico paese dell'Unione europea ad adottare il vaccino russo. La presidente dell'Associazione delle agenzie di viaggio ungheresi Judit Molnár non può che rilevare i danni al settore a fronte di questa scelta degli Stati Uniti che penalizza molto il suo paese.

"Ovviamente i passeggeri vaccinati con lo Sputnik non sono contenti delle misure in quanto non possono viaggiare. Questi viaggiatori stanno dicendo che sperano davvero che la situazione cambi e che gli Stati Uniti accettino quanto prima anche lo Sputnik": precisa Judit Molnár.

Penalizzati i cittadini virtuosi

Il signor István Sipos, residente a Budapest, ha pensato che farsi vaccinare con lo Sputnik V piuttosto che aspettare un altro vaccino era la cosa giusta da fare nel momento in cui infuriava la pandemia. "Ho pensato di farmi fare lo Sputnik subito perché la gente stava morendo in massa - dice István Sipos - Non potevo sapere in quel momento che non sarebbe stato valido per viaggiare."

L'iter fulminante dello Sputnik

La Russia è stata la prima nazione a disporre di un efficace vaccino anti-covid, lo Sputnik era stato presentato in pompa magna e registrato nell'agosto 2020. È stato creato in un breve tempo perché i virologi russi avevano già una base pronta, cioè la piattaforma usata per creare un vaccino contro la febbre emorragica Ebola. La febbre Ebola è stata studiata fin dagli anni '50 e la piattaforma vaccinale aveva già dimostrato la sua sicurezza: era stata usata per vaccinare più di 10 milioni di persone.

I laboratori russi del Gamaleya Center avevano sintetizzato un siero efficace contro l'Ebola all'inizio del 2014. Nel 2018, il Gamaleya aveva sviluppato un altro vaccino che era il candidato per combattere la sindrome respiratoria del Medio Oriente (Mers). Praticamente questi due "semilavorati" hanno consentito agli scienziati russi di bruciare le tappe e passare rapidamente allo sviluppo dello Sputnik V all'inizio del 2020. Nell’agosto del 2020 Sputnik V è diventato il primo vaccino al mondo registrato contro Covid-19.