This content is not available in your region

Dilaga la quarta ondata da Covid-19 e nei paesi con pochi vaccinati le cose peggiorano

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Dilaga la quarta ondata da Covid-19 e nei paesi con pochi vaccinati le cose peggiorano
Diritti d'autore  AP Photo

Il Regno Unito invita coloro che hanno diritto al richiamo della vaccinazione anti-coronavirus a prenotarla in anticipo poiché il governo cerca di accelerare il lancio della terza dose. In 10 milioni hanno già ricevuto il terzo richiamo ma gli esperti sanitari affermano che la procedura è vitale visto che anziani vulnerabili e non solo sono recentemente morti di Covid-19 a causa della riduzione di efficacia delle prime dosi del vaccino. Del resto che la procedura di vaccinazione per questa infermità diventi analoga a quella della lotta alla comune influenza rientra nell'ordine delle cose.

I guai della Russia

Intanto in Russia gli ospedali di tutto il paese continuano ad affrontare un numero crescente di pazienti affetti da coronavirus e questo per via di un esiguo numero di vaccinati. In un paese di circa 144 milioni di abitanti, solo il 34% circa degli adulti risulta totalmente vaccinato, rispetto alla media UE che è del 74%.

Le scuole in Romania

In Romania, paese alle prese con picchi di infezione e di decessi molto alti, riprendono le lezioni in presenza dopo il prolungamento delle vacanze scolastiche di ottobre. Si aprono solo gli istituti scolastici in cui almeno il 60% del personale è stato vaccinato; dove non si raggiunge questa soglia le lezioni restano rigorosamente online. Le vacanze scolastiche erano state prolungate di due settimane per frenare la quarta ondata della pandemia che ha colpito la Romania nel modo più violento vista inoltre la bassa percentuale di vaccinati.

Volare verso gli States

Gli Stati Uniti si accingono a revocare i divieti dei viaggi intercontinentali in vigore da oltre 20 mesi. Le nuove regole, che aboliscono il divieto di viaggio negli Usa, pretendono per i viaggiatori a lungo raggio un recente certificato di vaccinazione, con siero considerato valido, e un test negativo al coronavirus per coloro che vengono da una trentina di lontani paesi.