EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La Polonia estende la campagna vaccinale nelle adiacenze dei cimiteri

La Polonia estende la campagna vaccinale nelle adiacenze dei cimiteri
Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Mentre si celebra la commemorazione dei morti la Polonia porta davanti ai cimiteri centri mobili di vaccinazione per invitare i visitatori a farsi fare una dose

PUBBLICITÀ

Il ministero della Sanità polacco estende la sua campagna di vaccinazione contro il COVID-19 nelle zone dei cimiteri di tutto il paese. I parenti degli estinti ora possono fare due cose contemporaneamente: portare fiori alle tombe e farsi vaccinare.

Un invito a debellare la pandemia

Centri mobili di vaccinazione (pullman, ambulanze attrezzate...) sono apparsi nelle adiacenze dei cimiteri accolgono chi vuole farsi iniettare un vaccino monodose oppure completare il ciclo con una dose di richiamo. I commenti dei passanti appaiono positivi: "È una buona idea, soprattutto quando la quarta ondata sta prendendo slancio, ho avuto le mie due dosi, penso che il cimitero incoraggi la riflessione sulla vita, la morte e la pandemia": ammette una signora venuta a portare fiori sulla tomba di un parente. Le fa eco una studentessa: "Penso che sia una buona idea, sono una studentessa, e più ci penso più credo che dovremmo vaccinarci, tutti".

La minaccia della nuova ondata

Nonostante il numero di infezioni da Covid-19 in Polonia sia in aumento ogni giorno, i polacchi si sono riversati nei cimiteri per la festa di Ognissanti. L'anno scorso col lock-down le autorità avevano fortemente limitato la circolazione delle persone e nessuno era andato al cimitero.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: eterno riposo in un bosco, l'idea che valica i confini tedeschi

Morte a Palermo, ma senza sepultura

La Polonia proroga lo stato d'emergenza al confine con la Bielorussia