ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dalla strada alla rotaia: come ridurre l'inquinamento del traporto merci nelle Alpi

Di Aurora Velez
euronews_icons_loading
Dalla strada alla rotaia: come ridurre l'inquinamento del traporto merci nelle Alpi
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Le Alpi, un ecosistema sensibile attraverso il quale passano più di due milioni di camion ogni anno. Il traffico di merci su strada causa ingorghi e inquinamento acustico e ambientale.

Per contrastare tutto questo, un progetto europeo chiamato AlpInnoCt mira ad aumentare l'efficienza del trasporto combinato, in cui almeno due tipi di trasporto sono utilizzati consecutivamente. Il 95% dei rimorchi, però non è progettato per essere trasferito dai camion ai treni.

Un problema che negli ultimi anni è stato alleviato grazie alle piattaforme Nikrasa, che sono il fulcro di questo progetto. Albert Bastius, direttore operativo di Tx Logistik Ag, uno dei partner del progetto AlpInnoCt, sa tutto di questo valzer delle merci dalla strada alla ferrovia.

"Il nostro obiettivo quando abbiamo sviluppato Nikrasa era di creare una piattaforma che coprisse la maggior parte dei tipi di rimorchi - dice Bastius -. Oggi circa il 94% dei rimorchi che operano sulla strada può essere caricato con Nikrasa".

Le piattaforme Nikrasa funzionano 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Quattro paesi dell'Unione europea - Germania, Austria, Italia e Slovenia più la Svizzera - partecipano ad AlpInnoCT. Il budget totale del progetto è poco più di 3 milioni di euro: 2,5 sono coperti dalla politica di coesione europea.

Questo nuovo sistema permette la riduzione dei tempi di stoccaggio e la costruzione di nuovi terminali e aree di manovra. I 15 partner di AlpInnoCt condividono raccomandazioni e linee guida del progetto guidato da Karl Fischer. Secondo lui, la sfida del trasporto intermodale è economica e climatica.

"Nella regione alpina possiamo inserire 30 rimorchi in un treno - dice Fischer -. Possiamo quindi risparmiare su 29 camionisti e un conducente di locomotiva. Niente più camionisti, abbiamo un fattore di 1 a 29. Possiamo ridurre la CO2 dell'80%, con meno costi di personale".

Per quanto riguarda il trasporto su strada, i manager come Thomas Eberl - amministratore delegato di Eberl Internationale Spedition GmbH & Co KG, un altro partner del progetto AlpInnoCt - sottolineano come il trasporto internazionale sia soggetto a regolamenti severi che variano da paese a paese. "La flessibilità è la cosa più importante, è richiesta anche dal mercato - dice Eberl -. Il nostro punto di riferimento è la strada, e se le ferrovie devono seguire l'esempio, devono essere flessibili. Ma anche le aziende di logistica e trasporto devono esserlo".

L'obiettivo dell'Unione europea è di spostare entro il 2030 il 30% del trasporto merci (il 50% entro il 2050) dalla strada alla rete ferroviaria o alle vie navigabili.