This content is not available in your region

Il presidente ceco si sente male dopo aver incontrato il premier uscente

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Repubblica Ceca, il premier uscente
Repubblica Ceca, il premier uscente   -   Diritti d'autore  JOE KLAMAR/AFP or licensors

È stato colto da malore subito dopo aver incontrato il premier uscente, Andrej Babiš.
Il presidente della Repubblica Ceca, Miloš Zeman, è stato ricoverato il giorno dopo le elezioni, che hanno bocciato - seppure di misura - il suo alleato, il miliardario premier populista Babiš.
Il medico ha annunciato che il Presidente è stato messo in terapia intensiva, senza rivelare la diagnosi. Secondo i media, il Zeman soffriva da tempo di problemi al fegato.

Resta dunque in piedi la questione dell'incarico a formare il governo, che - sulla base dei numeri - dovrebbe essere affidato a Petr Fiala, la cui coalizione di centro-destra Insieme ha ottenuto il 27,78% dei voti contro il 27,14% del movimento ANO di Babis.

Coinvolto nello scandalo dei fondi offshore Pandora-papers, il premier uscente ha perso consensi ma non è stato un crollo verticale. Il problema è che i partiti alleati - socialdemocratici e comunisti - non superano lo sbarramento del 5%.

Il sorpasso

Una rincorsa lunga che si conclude con il sorpasso.
È svolta nella Repubblica Ceca con la sconfitta del partito del premier uscente, Andrej Babiš, il movimento populista Ano (Azione del cittadino scontento), e l'allungo al traguardo della coalizione moderata Spolu di Petr Fiala e del gruppo di Ivan Bartoš, leader di Pirati e Sindaci.

"Vorrei congratularmi con il presidente Fiala per un grande finale che è stato fantastico", ha detto Babiš quando la sconfitta del suo partito era oramai evidente.

"La campagna di disinformazione portata avanti dal premier nei nostri confronti è stata notevole e ha contribuito a rendere incerto il voto", ha commentato il leader dei Pirati, Bartoš

Il capofila del gruppo Sindaci, Vit Karusan (che fa cartello con i Pirati), ha sottolineato l'importanza del cambio di rotta nel Paese, in vista della formazione di un nuovo governo: "Sono molto contento perché un grande cambiamento nella Repubblica Ceca è ora possibile - ha dichiarato - e noi, Sindaci e Pirati, ne faremo parte".

Miloš Zeman aveva già annunciato di voler affidare la formazione del nuovo esecutivo al leader del partito con i maggiori consensi.

La vittoria delle elezioni ha portato anche un altro bonus inaspettato, rimarcato da Karusan: "Abbiamo una grande speranza oggi e siamo contenti anche di un altro risultato, e cioè che dopo 32 anni abbiamo spedito i comunisti nella storia".

Prima delle elezioni, il premier era a capo di un governo di minoranza con i socialdemocratici (4,7%) e l'appoggio esterno del Partito comunista.
Si tratta di una sconfitta storica per i comunisti, che sarebbero esclusi per la prima volta dal Parlamento dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Avvenuto il passaggio del testimone, inizia adesso la fase delle negoziazioni per la formazione del nuovo governo.