ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Summit in Slovenia: sei paesi dei Balcani bussano alla porta dell'Ue

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews - Siti e Agenzie internazionali
euronews_icons_loading
Foto di gruppo, non al completo.
Foto di gruppo, non al completo.   -   Diritti d'autore  Darko Bandic/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Unione europea in "trasferta" in Slovenia.

Costruire un fronte finalmente e veramente unito.
Questo è l'obiettivo che si sono dati i leader dell'Unione europea, fin dal vertice Ue-Balcani Occidentali previsto per oggi in Slovenia.

Una cena di lavoro al Castello di Brdo, vicino alla città di Kranj, alla vigilia del summit, è stata per molti di loro il primo incontro da giugno e, da allora, sono successe molte cose: l'Afghanistan, l'accordo Aukus per la sicurezza nell'Indo-Pacifico, la disputa tra Australia e Francia sui sottomarini...
E all'orizzonte c'è sempre la Cina.

Potenziare la presenza dell'Ue sulla scena internazionale è della massima importanza.

"L'approccio multilaterale è il DNA dell'Ue"

Distensivo il messaggio di Charles Michel (45 anni, belga), presidente del Consiglio europeo:
"La nostra unità è una risorsa molto forte. Un approccio multilaterale è il DNA dell'Unione europea. E quando abbiamo successo, quando siamo in grado di rafforzare l'influenza europea, ciò che è positivo per l'Ue lo è anche per i cittadini europei, per i nostri partner, per i nostri amici e per i nostri alleati".

AP Photo
Charles Michel risponde alle domande dei giornalista al Castello di Brdo.AP Photo

L'attenzione del vertice organizzato dalla presidenza slovena a Brdo - rientra nell'impegno strategico dell'Ue nei confronti dei Balcani, in linea con l'agenda 2019-2024 - si concentrerà soprattutto sui Balcani Occidentali, con sei paesi (Albania, Bosnia-Erzegovina, Serbia, Montenegro, Repubblica di Macedonia del Nord e Kosovo) che cercano assicurazioni sul fatto che un (bel) giorno saranno ammessi all'Ue.
Ma quando?

L'Unione europea è il principale partner politico ed economico dei Balcani.
Con il piano economico e di investimenti, l'Ue fornirà un sostegno finanziario senza precedenti, grazie alla mobilitazione di circa 30 miliardi di euro, destinati alla regione balcanica nei prossimi sette anni.

Proteste a Lubiana

E, inevitabilmente, la discussione dei leader europei continuerà sullo sfondo di questo periodo-Covid.
A Lubiana, capitale della Slovenia, si sono verificati scontri tra manifestanti e polizia, a causa delle rigide restrizioni ancora in vigore nel paese.

Petr David Josek/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Proteste a Lubiana.Petr David Josek/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

I precedenti vertici Ue-Balcani si erano tenuti nel 2020 in videoconferenza (in collegamento con Zagabria) e nel 2018 a Sofia.