Inchiesta "Petrolmafie", chiesto processo per 85 persone

Coinvolto anche presidente Provincia di Vibo Valentia, Solano
Coinvolto anche presidente Provincia di Vibo Valentia, Solano
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANZARO, 14 SET - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio per 85 persone coinvolte nel procedimento denominato "Petrolmafie", considerato la naturale prosecuzione dell'operazione "Rinascita-Scott". L'inchiesta è incentrata su alcuni imprenditori vibonesi, i D'Amico, attivi nel settore del commercio di carburanti, ritenuti dall'accusa espressione della cosca Mancuso di Limbadi nonché collegati alle articolazioni 'ndranghetistiche sia della provincia di Vibo Valentia (Bonavota di Sant'Onofrio, gruppo di San Gregorio, Anello di Filadelfia e Piscopisani) che del reggino (cosca Piromalli, cosca Italiano di Delianuova, cosca Pelle di San Luca). Tra le persone per le quali é stato chiesto il processo c'é il presidente della Provincia di Vibo Valentia e sindaco di Stefanaconi, Salvatore Solano, accusato di corruzione, scambio elettorale politico-mafioso e turbata libertà degli incanti con l'aggravante mafiosa. L'udienza preliminare è stata fissata dal gip per il 4 ottobre nell'aula bunker di Lamezia Terme. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia, legge sugli "agenti stranieri": arresti in piazza e scontri in Parlamento

Le notizie del giorno | 16 aprile - Serale

Commissione Ue: Pieper rinuncia, ombre su von der Leyen a pochi mesi dalle elezioni