EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il Papa domenica in Ungheria: viaggio spirituale nell'Europa sovranista

Il Papa domenica in Ungheria: viaggio spirituale nell'Europa sovranista
Diritti d'autore Emokey, Balazs/
Diritti d'autore Emokey, Balazs/
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Francesco incontrerà anche il premier ungherese Orbàn dal quale lo separa non solo una diversa filosofia di vita

PUBBLICITÀ

75.000 persone, rigidamente controllate con i protocolli anti-Covid-19, accoglieranno domenica Papa Francesco nel cuore di Budapest (Piazza degli Eroi), dove celebrerà la messa di chiusura del 52° Congresso Eucaristico Internazionale.

Una Budapest tirata a lucido

"I lavori procedono dal 23 agosto e se si contano tutti, anche coloro che operano dietro le quinte o nel coordinamento generale, chi si occupa delle attrezzature liturgiche, gli  autisti, i facchini, le guardie giurate, la polizia, gli ufficiali, sono quasi 20.000 le persone che lavorano all'evento": ammette Nóra Téglásy, che integra lo staff dei coordinatori dell'evento

Un obiettivo di evangelizzazione in Europa

Per Bergoglio questo è un viaggio spirituale. Quattro giorni che si concluderanno in Slovacchia con tappa nella capitale Bratislava e in altre tre città. A Budapest domenica è previsto che Francesco incontri il premier ungherese Viktor Orban, capofila del Sovranismo quindi un faccia a faccia fra il campione dei populisti di destra europei e un pontefice che ha fatto dell'accoglienza dei migranti uno dei suoi cavalli di battaglia inderogabili.  Francesco è comunque consapevole di andare in visita a popoli che hanno spesso scontato regimi repressivi con vorticosi passaggi dai lati opposti della storia. uttavia Ungheria e Slovacchia sono paesi a maggioranza cattolica e c'è grande attesa del Papa che viene dalla "fine del mondo".

Un tripudio di cartelli di benvenuto

A Budapest la città è un tripudio di cartelloni di benvenuto che candidamente contestano in filigrana le scelte politiche nazionali, basta leggere i manifesti che inneggiano all'accoglienza e alla solidarietà e che evocano esattamente le parole del Papa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A Budapest la controversa Esposizione mondiale della caccia

Il Papa saluta la Slovacchia e torna a Roma

Il Papa nel cuore dell'Europa, a Bratislava dopo l'Ungheria e l'incontro con Orban