EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Aperta camera ardente Strada, Sala a Casa Emergency

'Guardava al futuro, importante dedicargli qualcosa che rimanga'
'Guardava al futuro, importante dedicargli qualcosa che rimanga'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Si è aperta da pochi minuti la camera ardente per il fondatore di Emergency Gino Strada, nella sede milanese dell'associazione umanitaria in via Santa Croce. Tra i primi a rendergli omaggio, il sindaco di Milano Giuseppe Sala, che al suo arrivo a 'Casa Emergency' ha spiegato: "Sono qui nella duplice veste di sindaco e di amico. Oggi con me ho tanti ricordi di momenti vissuti assieme". "Di Gino apprezzavo quello che ha fatto, ma secondo me aveva una caratteristica particolare: conoscendo molta gente importante, che ha fatto cose, che ha avuto vite significative - ha aggiunto il primo cittadino di Milano -, lui non parlava mai al passato, non sentiva mai il bisogno di dire 'ho fatto', 'ho detto', ma guardava sempre avanti, guardava al futuro e in questo era veramente straordinario e unico". A proposito invece della possibilità che la città di Milano possa dedicare una via o un luogo a Gino Strada, Sala ha risposto: "ho sentito la moglie e la presidente di Emergency in questi giorni, ma abbiamo deciso per ora di pensare solo a questa giornata. Credo che sia importante dedicargli qualcosa che rimanga, ma anche un momento di ricordo, come credo abbia voluto lui. Un momento anche allegro, anche vivo. Però ci penseremo a valle di questa giornata". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev mette pressione in Crimea, Mosca attacca le infrastrutture

Le notizie del giorno | 24 luglio - Mattino

Francia, Macron congela la nomina del primo ministro: "Ora concentrati sulle Olimpiadi"