ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La resistenza anti-talebana nella valle del Panjshir

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
La resistenza anti-talebana nella valle del Panjshir
Diritti d'autore  Rahmat Gul/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre Kabul è una città fantasma, in preda alla paura e all’incertezza, c’è una provincia, l’ultima rimasta all’opposizione che ha promesso di resistere al ritorno al potere dei talebani, dopo la caduta della capitale.

E’ la valle del Panjshir, situata a nord di Kabul tra le montagne dell’Hindu Kush, per decenni roccaforte della resistenza contro i sovietici e poi di gruppi filo-occidentali nel 2001. Come ha fatto notare anche il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov il Panjshir ora è di nuovo sede di combattenti pronti a resistere. L’Afghanistan non sarebbe dunque totalmente capitolato.

Qui nel Panjshir si sarebbero radunate le forze di resistenza dell'ex vicepresidente afghano Saleh e di Ahmad Massoud figlio del leggendario leader della lotta ai talebani. Si stanno organizzando per la battaglia.

“Abbiamo anche le armi di chi si è unito a noi nelle ultime 72 ore e i soldati dell'esercito che non si sono arresi” hanno fatto sapere diversi esponenti di spicco del Panjshir, i cui abitanti per la maggior parte sono di etnia tagika. Sono pronti a contrastare qualsiasi tentativo di conquistare la provincia. Secondo l’ambasciatore dell’Afghanistan in Tagikistan, il tenente generale Zahir Aghbar, la guerra “non è finita”.