ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cina, il nuovo focolaio preoccupa: già un milione di persone tracciate

Access to the comments Commenti
Di Antonio Michele Storto
euronews_icons_loading
Cina, il nuovo focolaio preoccupa: già un milione di persone tracciate
Diritti d'autore  Mark Schiefelbein/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono più di un milione i contatti ravvicinati di pazienti positivi al Covid già tracciati in Cina continentale. Tra questi, 24mila sono ancora sotto osservazione medica.

La Cina sta affrontando il peggior picco di contagi mai registrato dalla fine della prima ondata: sabato, il numero delle nuove infezioni ammontava già a quasi 10mila. Partito da un focolaio tra gli addetti alle pulizie nell'aeroporto di Nanchino, il contagio si è poi esteso ad altre 13 città, tra cui la capitale Pechino.

A Nanchino, i voli sono stati sospesi per 11 giorni e un parziale lockdown è già entrato in vigore mentre le autorità sanitarie ribadiscono come, assieme all'immunizzazione, le misure di prevenzione restano essenziali.

"La vaccinazione - ha dichiarato Qiu Yiming, ricercatore del Centro per il controllo delle malattie - deve essere adottata insieme a severe misure di prevenzione e controllo, poiché questo è il modo principale per prevenire un rimbalzo dell'epidemia. Dopo la vaccinazione, consigliamo al pubblico di continuare a mantenere le misure di protezione personale".

A Nanchino, tutte le attività non essenziali restano chiuse, mentre le misure di sicurezza sono state intensificate.

Non è la prima volta che la Cina si trova di fronte a un nuovo focolaio infettivi, dopo la prima ondata che si sviluppò nella città di Wuhan: a giugno, un lockdown era stato imposto nella provincia del Wangdong, per contrastare il diffondersi della variante delta, mentre un altro confinamento era stato introdotto a inizio luglio nella città di Ruili, al confine con la Birmania,