ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ecco come l'Europa risponde alla catastrofi e alle emergenze

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Ecco come l'Europa risponde alla catastrofi e alle emergenze
Diritti d'autore  Alessandro Tocco/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Alluvioni mortali in Belgio e Germania. Devastanti incendi boschivi in ​​Sardegna.

Catastrofi come queste richiedono spesso un aiuto al di là dei mezzi di un singolo paese, motivo per cui l'UE ha istituito il meccanismo di protezione civile nel 2001. Qui a Bruxelles, il Centro di coordinamento della risposta alle emergenze è il cuore pulsante di questo dispositivo dove un team di coordinatori lavora 24 ore su 24 per rispondere alle richieste di soccorso in caso di catastrofe in qualsiasi parte del mondo.

Balazs Ujvari, portavoce della Commissione europea per gli aiuti umanitari e la gestione delle crisi, dice: "Qualsiasi paese, non solo gli stati membri, ma qualsiasi paese del mondo può attivare quello che chiamiamo il meccanismo di protezione civile dell'Unione Europea. Quando questo meccanismo si attiva facciamo due cose: coordiniamo l'assistenza di cui il paese attivante ha bisogno e paghiamo il 75 % dei costi di trasporto coinvolti."

Tutti i 27 Stati membri dell'UE + sei paesi non UE sono partecipanti al meccanismo. Questi sono: Islanda, Norvegia, Serbia, Macedonia del Nord, Montenegro e Turchia.

Una volta effettuata la richiesta di assistenza, i paesi partecipanti possono scegliere di offrire aiuto. Questo può variare dal personale di soccorso ad attrezzature come aerei antincendio, elicotteri e forniture mediche.

Ma non si tratta solo di disastri naturali o provocati dall'uomo. La pandemia ha costituito oltre il 50% delle richieste dall'inizio della crisi lo scorso anno.

Eric Adrien, responsabile presso il Centro di coordinamento della risposta alle emergenze dell'UE: "Durante la progressione della crisi COVID-19, siamo passati dall'installazione di ospedali da campo, in alcuni casi, alle bombole di ossigeno, ai vaccini ai farmaci antivirali e molto spesso, ovviamente, ai dispositivi di protezione individuale - maschere e schermi facciali e anche test kit. Ma oltre a questo, abbiamo anche assistito al rimpatrio di oltre 100.000 cittadini europei da tutto il mondo quando i paesi hanno iniziato a chiudere i loro confini, quindi è una vasta gamma di assistenza che possiamo fornire ai paesi ."

Nel 2020 il Meccanismo è stato attivato più di 100 volte. Con i cambiamenti climatici che accelerano la frequenza dei disastri naturali e la pandemia ancora in corso, questa cifra annuale non farà che aumentare.