EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Sospeso il Parlamento e licenziato il primo ministro: "Ma non è un colpo di Stato"

Sospeso il Parlamento e licenziato il primo ministro: "Ma non è un colpo di Stato"
Diritti d'autore FETHI BELAID/AFP or licensors
Diritti d'autore FETHI BELAID/AFP or licensors
Di Cristiano TassinariEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tunisia nel caos: le proteste sono divampate proprio nel giorno della festa della Repubblica. E il presidente Kais Saied ha deciso di sospendere il Parlamento per un mese e di licenziare il primo ministro Hichem Mechici

PUBBLICITÀ

In Tunisia, le proteste sono esplose proprio nel giorno della festa della Repubblica, il 64° anniversario dell'indipendenza del paese nordafricano.

E in seguito a queste manifestazioni, cominciate sabato sera per le strade di Tunisi e di altre città tunisine, il presidente Kais Saied ha deciso di sospendere il Parlamento (e l'immunità ai parlamentari) per un mese e di licenziare il primo ministro Hichem Mechici (con il quale è in corso uno scontro politico da tempo).

Il principale partito di opposizione Ennahda parla di "colpo di stato".

Il presidente tunisino rifiuta questa definizione e parlando alla nazione ha dichiarato:

"Abbiamo preso queste decisioni, e altre decisioni ne prenderemo, sotto forma di decreto, come previsto dall'articolo 80 della nostra Costituzione, fino al ritorno della pace sociale in Tunisia e fino a quando non avremo salvato lo stato".

"Chiunque pensa di fare ricorso alle armi e chiunque sparerà anche un solo colpo, sappia che le forze armate risponderanno sparando".
Kais Saied
Presidente Tunisia
AP Photo
Il presidente tunisino Kais Saied.AP Photo

Le proteste - proseguite per tutta la giornata di domenica - sono state organizzate da un nuovo gruppo politico che si fa chiamare "Movimento 25 luglio", data simbolo della storia dela Tunisia. .

La folla, in gran parte giovane, ha gridato "Fuori!" e altri slogan che chiedevano lo scioglimento del Parlamento ed elezioni anticipate.
La polizia ha usato gas lacrimogeni per disperdere alcuni manifestanti che hanno lanciato oggetti contro gli agenti e ha effettuato diversi arresti.

Dopo poche ore dall'annuncio del presidente Kais Saied di sospendere il Parlamento, tutta la zona di Tunisi attorno agli edifici governativi è stata blindata dall'esercito.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le opposizioni in Tunisia: "È colpo di Stato del Presidente"

Covid: in Tunisia arriva l'esercito per aiutare con i vaccini

Intervista al presidente tunisino Saied: "Senza collaborazione l'Europa non va da nessuna parte"