ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Sport & politica, un connubio pericoloso

Di Euronews
euronews_icons_loading
Sport & politica, un connubio pericoloso
Diritti d'autore  Laurence Griffiths/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Politica e sport: due cose che non dovrebbero collidere.

L'Euro 2020 ha mostrato il contrario, con la UEFA che ha proibito i colori LGBT all'Allianz Arena di Monaco per non far arrabbiare l'Ungheria, i giocatori che si sono inginocchiati per denunciare la xenofobia e l'Ucraina è stata invitata a cancellare lo slogan "Gloria ai nostri eroi" dalle loro magliette per soddisfare la Russia.

Proprio questa settimana, il Parlamento europeo ha votato affinché i funzionari diplomatici boicottassero le Olimpiadi invernali di Pechino del 2022 per presunte violazioni dei diritti umani, quindi è difficile dire che sport e politica non abbiano nulla a che fare.

Simon Darnell, Professore Associato, Sport for Development & Peace presso l'Università di Toronto: "Non è vero che lo sport è apolitico. Lo sport è sempre stato politico e lo sport è sempre stato un luogo in cui gli attori politici possono esprimere i loro punti di vista. È nell'interesse delle organizzazioni sportive presentarsi come apolitiche, specialmente quando stanno cercando di costruire un marchio e di raggiungere il maggior numero di persone possibile. E vgliono farlo con il minor numero di controversie possibile, ma lo sport è intimamente connesso a tutti i tipi di questioni politiche".

Organizzazioni sportive come UEFA o FIFA ci dicono che i messaggi politici non possono essere incorporati nel bel gioco, ma la finale di Euro 2020 di domenica avrà un messaggio politico prima ancora che il fischio venga fischiato, con l'Inghilterra che si inginocchierà in solidarietà con il Black Lives Matter movimento e l'Italia che dovrebbe fare lo stesso.

Simon Darnell, Professore Associato, Sport for Development & Peace presso l'Università di Toronto: “Penso che gli atleti abbiano sempre avuto punti di vista politici. Non hanno sempre avuto possibilità di mostrarlo. Penso che essere impegnati politicamente da decenni, non sia una novità... Penso che il mondo sia un posto migliore quando gli atleti sono visti come cittadini e non solo come persone che usano il proprio corpo. ”

Man mano che i giocatori diventano più potenti e influenti, le questioni che contano davvero diventano ancora più difficili da ignorare.