ULTIM'ORA
This content is not available in your region

A rischio i cittadini europei nel Regno Unito

Di Euronews
euronews_icons_loading
A rischio i cittadini europei nel Regno Unito
Diritti d'autore  Kirsty Wigglesworth/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Da giovedì, qualsiasi cittadino europeo che non ha fatto domanda per il piano di insediamento post-Brexit britannico perderà il diritto legale a lavorare, affittare un alloggio e accedere alle prestazioni sociali nel Regno Unito.

Queste persone possono anche essere soggette a deportazione. Fino all'ultimo minuto le persone hanno fatto la fila per cercare di ottenere i documenti, mentre il capo negoziatore dell'UE Maros Sefcovic chiedeva al Regno Unito di mostrare maggiore flessibilità.

Maros Sefcovic, vicepresidente della Commissione europea: "La possibilità di un'estensione è stata discussa con i nostri partner del Regno Unito ma non siamo riusciti a trovare una soluzione. Stavo supplicando tutti coloro che si occupano di questi problemi di essere generosi con coloro che sono vulnerabili, con quelli, a causa delle restrizioni covid. non hanno potuto presentare la domanda in tempo utile, a coloro che hanno ragionevoli motivi per non presentare la domanda in tempo”.

Tuttavia, secondo gli esperti, c'è davvero poco che l'UE possa fare. E nel lungo periodo il danno è permanente.

Fabian Zuleeg, amministratore delegato del Centro di politica europea: "In questa fase c'è ben poco che l'UE possa fare a meno che il Regno Unito non veda che è necessaria una maggiore flessibilità. Chiaramente ci sono stati questi periodi di grazia, questi periodi di estensione che hanno contribuito fino ad ora ad attutire il colpo, ma siamo ora vedendo già in molte aree il vero impatto della Brexit, cosa fa al commercio, cosa fa alle persone, alla migrazione, e questo continuerà".

Bruxelles e Londra intanto hanno stretto una tregua temporanea sulla loro "guerra delle salsicce", annunciando mercoledì di aver concordato di prolungare un periodo di grazia per le esportazioni di carne refrigerata tra la Gran Bretagna e l'Irlanda del Nord fino al 30 settembre.