ULTIM'ORA
This content is not available in your region

I profumi di Cipro: il business delle erbe aromatiche

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
I profumi di Cipro: il business delle erbe aromatiche
Diritti d'autore  CHRISTINA ASSI/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Mediterranea e profumata, Cipro mette a profitto il suo unicum botanico, trasformando in business una peculiarità che la rende famosa sin dai tempi dell'Impero Romano. Nel piccolo villaggio di montagna di Agros, Andria Tsolakis, sua sorella minore Elena e la loro madre Maria si prendono cura delle rose Damasco, che la leggenda vuole siano spuntate misteriosamente ai piedi della chiesa del villaggio . Con 400 chili di rose ricavano un chilo di petali, da cui producono due litri di acqua di rose.

Elena Tsolakis di "The Rose Factory" spiega come avviene la raccolta: "Iniziamo a raccogliere le rose molto presto la mattina, alle 5:30, per evitare il calore del sole. È molto importante raccoglierle al mattino presto per conservare la fragranza e produrre acqua di rose e oli essenziali di qualità superiore".

Ma Cipro può contare su più di 800 erbe diverse, alcune delle quali presenti solo nell'isola.

Secondo l'erborista Miranda Tringis, "la qualità delle erbe di Cipro è davvero alta, come lo era in passato, perché quando si analizzano gli oli essenziali, si può vedere che sono estremamente potenti nelle loro componenti. Anche il clima qui è ideale per coltivare questo tipo di erbe, perché amano il calore, amano il sole forte".

Un patrimonio rimasto intatto, da quando nel primo secolo dopo Cristo Plinio il Vecchio scrisse che le erbe di Cipro erano le migliori di tutto l'Impero Romano.

Un progetto europeo mira a promuovere il turismo in sei Stati membri del sud - Bosnia, Croazia, Cipro, Francia, Italia e Malta - con il richiamo delle loro piante aromatiche e medicinali.

In parte finanziato dall'Unione europea, Mappae (Medicinal and Aromatic Plants Pathways Across Europe) sostiene che la sua missione è quella di "creare un percorso tematico multisensoriale, turistico e culturale, collegando destinazioni europee unite da una tradizione comune".

Yioula Michaelidou Papakyriacou, che coordina il progetto a livello locale, attribuisce l'alta qualità degli oli essenziali dell'isola alla sua geologia, alla formazione della catena Troodos, alla qualità dell'aria e alle condizioni meteorologiche.