EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Lavoro minorile, una piaga per 160 milioni di bambini nel mondo

Lavoro minorile, una piaga per 160 milioni di bambini nel mondo
Diritti d'autore OIT
Diritti d'autore OIT
Di Giulia Avataneo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'allarme dell'Ilo e Unicef: rischio di un incremento di 9 milioni entro il 2022

PUBBLICITÀ

Nella giornata mondiale del contrasto al lavoro minorile, Organizzazione Internazionale del Lavoro (Ilo) e dell'Unicef diffondono un report sul fenomeno che indica un incremento senza precedenti: 160 milioni di bambini e ragazzi nel mondo coinvolti - un aumento di 8 milioni e mezzo di bambini negli ultimi quattro anni - con altri milioni a rischio a causa della pandemia.

Spiega Guy Ryder, direttore generale dell'Ilo:

"Stimiamo che la pandemia abbia messo 108 milioni di persone e le loro famiglie in condizioni di povertà lavorativa. In queste circostanze il pericolo è che la gente debba ricorrere al lavoro minorile quasi come una strategia di sopravvivenza. Le nostre stime mostrano che se non agiamo per fermarlo potremmo vedere un ulteriore aumento fino alla fine del 2022 di circa 9 milioni nel lavoro minorile".

I finanziamenti della Fao possono aiutare le persone a inserirsi nel mondo del lavoro. Maria Cedillo Chavez, che si è rivolta a un'agenzia finanziata dall'organizzazione in Guatemala ha potuto approfondire la sua conoscenza sull'industria del caffè e crearsi una prospettiva di vita.

La Cambogia è anche un paese con un crescente problema di lavoro minorile, in particolare nell'industria della pesca. Con 62 milioni di bambini coinvolti la regione Asia pacifico è seconda solo all'Africa per questo fenomeno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito, le sorti dei minori non accompagnati in fuga dalla guerra

Un progetto nella città di Ghent trasforma madri disoccupate in assistenti all'infanzia

Un fucile al posto della penna. L'infanzia rubata dei bambini in Yemen