ULTIM'ORA
This content is not available in your region

UE: Una tassa minima globale del 15% sulle multinazionali

Di Aida Sanchez Alonso
euronews_icons_loading
UE: Una tassa minima globale del 15% sulle multinazionali
Diritti d'autore  JUSTIN TALLIS/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

La Commissione europea ha accolto con favore l'accordo dei ministri delle finanze dei paesi del G7 su un'imposta minima sulle società di almeno il 15%.

Un piccolo passo verso una tassa globale sulle imprese che potrebbe ridurre l'evasione fiscale.

Paolo Gentiloni ha twittato: 'Un grande accordo al G7. Le multinazionali dovrebbero pagare le tasse dove realizzano i loro profitti. Gli stati hanno adottato una tassazione minima di almeno il 15%. Più giustizia e meno evasione fiscale".

Secondo l'Osservatorio fiscale dell'UE, Bruxelles raccoglierebbe 50 miliardi in più all'anno con un'imposta sulle società del 15%. Ma i paesi a bassa tassazione, come l'Irlanda, sono ancora riluttanti.

Dice l'eurodeputato irlandese Billy Kelleher: “Dobbiamo essere molto consapevoli del fatto che abbiamo paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo, paesi grandi e paesi piccoli e dobbiamo accettare che ciò che viene proposto dal G7 potrebbe non essere necessariamente adatto a tutte le economie del mondo. Abbiamo un modo per andare avanti su questo. Ma accolgo con favore il fatto che vogliamo progredire verso una fase in cui abbiamo una tassazione internazionale sostenibile".

Dovrebbe essere raggiunto un accordo globale a livello dell'OCSE per coinvolgere tutti i paesi.

Nel frattempo, l'UE sta già lavorando per cambiare il proprio sistema di tassazione e secondo gli esperti è già in arrivo un cambio di paradigma.

Così la giornalista Rebecca Christie: "Dal 2015 c'è stata una reale attenzione nell'evitare lo spostamento dei profitti e nel contribuire a garantire che le società paghino le tasse negli stessi luoghi in cui stanno guadagnando i loro profitti. Ci sono stati molti progressi nel 2021 in parte a causa del cambio di amministrazione negli Stati Uniti".

Nella stessa settimana è stato raggiunto in Europa un accordo per uno strumento di trasparenza fiscale.

Le grandi multinazionali che operano nell'UE dovranno dichiarare paese per paese dove realizzano profitti e dove pagano le tasse.

L'accordo è tutt'altro che perfetto, in quanto sarà obbligatorio divulgare le informazioni solo per i paesi dell'UE e i paesi inclusi nell'elenco dei paradisi fiscali dell'UE. L'eurodeputato socialista, Iban Garcia, dice che è un primo passo.

Ibán García del Blanco, eurodeputato S&D Spagna: "D'ora in poi sapremo tutto ciò che accade nell'Unione europea. Vorrei ricordare che l'80 per cento dell'evasione fiscale avviene all'interno e tra i membri dell'Unione europea e avremo anche dati certi e molto dettagliati sulla loro attività in molti paradisi fiscali. Quindi oggi siamo migliori di ieri e dobbiamo valutare quello che abbiamo e, soprattutto, che d'ora in poi avanzeremo. Al momento abbiamo già delle regole sulla trasparenza fiscale e voglio ricordare che siamo il primo luogo al mondo ad avere una cosa del genere".

Non è ancora chiaro come sarà il mondo postpandemico, ma potrebbe aprire una nuova era per la fiscalità poiché i soldi sono necessari per la ripresa.