ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

Gli europei non sono benvenuti nel Regno Unito. Centinaia di persone messe in centri di detenzione

euronews_icons_loading
Gli europei non sono benvenuti nel Regno Unito. Centinaia di persone messe in centri di detenzione
Diritti d'autore  DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Le relazioni tra Unione Europea e Regno Unito dopo la Brexit continuano a deteriorarsi; questa volta sulla politica del Regno Unito di detenere i cittadini dell'UE che visitano spesso la Gran Bretagna per colloqui di lavoro.

Secondo i dati del Ministero degli Interni del Regno Unito, oltre 630 cittadini dell'UE sono stati trattenuti in base a nuove e rigide norme sull'immigrazione in centri di detenzione all'arrivo nel Regno Unito nei primi 3 mesi dell'anno.

00:25 SOT Professore Tanja Bueltmann, esperta in Storia delle migrazioni e della diaspora presso l'Università di Strathclyde. Scozia.

Stiamo esaminando una politica generale che non si applica solo ai cittadini dell'UE. Si chiama ambiente ostile. Questo ha colpito molti migranti da molti luoghi per molti, molti anni. E a causa della Brexit, i cittadini dell'UE ora sono praticamente risucchiati in questo. E questo ambiente ostile si applica a molti di loro ora così come stanno cercando di entrare nel Regno Unito".

Allo stesso tempo, il Regno Unito fa affidamento su lavoratori qualificati e professionali dall'Europa per supportare varie industrie. In alcuni casi sono stati coinvolti anche da turisti che soggiornano per brevi periodi e cittadini dell'UE in visita presso famiglie.

Dice Tanja Bueltmann, esperta in Storia delle migrazioni e della diaspora presso l'Università di Strathclyde in Scozia: “Particolari industrie sono molto preoccupate e le cose non migliorano quando veniamo a sapere che anche i turisti sono coinvolti in questi incidenti. Molte persone pensano che non sia il modo di fare andare le cose. Fondamentalmente i britannici e in particolare i funzionari di frontiera del Ministero degli Interni agiscono anche in modo sproporzionato".

Il vicepresidente della Commissione Maros Sefcovic, incaricato di gestire le nuove relazioni UE-Regno Unito, ha invitato il Regno Unito di "calmarsi" e "concentrarsi sul futuro".

I resoconti dei media su "cittadini europei che vengono messi in celle di detenzione o vengono presi le impronte digitali solo perché vogliono visitare il Regno Unito non aiutano l'ambiente", ha detto domenica.

I cittadini dell'UE nel Regno Unito stanno esortando la Commissione a esplorare tutti gli sforzi diplomatici per risolvere il problema.