This content is not available in your region

Ungheria, il ritorno al cinema

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
euronews
euronews   -   Diritti d'autore  frame

Mentre in tutta Europa si registra un lento ma progressivo abbassamento dei contagi da coronavirus, grazie alle campagne vaccinali, nella capitale ungherese Budapest si organizza un ritorno al cinema. Dopo oltre sei mesi di divieti, in questa sala verranno proiettati i film che hanno fatto parlare di sé alla Mostra di Venezia o alla Berlinale, e ciò in anticipo rispetto alla prima nazionale.

Sarà un vero e proprio rirtorno al cinema, sebbene con qualche precauzione in più, come spiega Zsuzsanna Deak: "Chiediamo al pubblico di tenere la maschierina durante la proiezione. È una nostra scelta, non è obbligatorio, ma abbiamo fatto un sondaggio e la stragrande maggioranza ha ammesso di sentirsi più a suo agio con una mascherina, dunque per questo abbiamo annunciato la riapertura".

Ripartono anche i festival cinematografici minori, come il Fresh Meat, dedicato ai nuovi arrivati nel mondo della celluloide. Daniel Deak, promotore della rassegna, sottolinea la presenza di contenuti interessanti e stimolanti, e invita gli spettatori a godersi "solo buoni film".

Oltre alle proiezioni, Budapest riparte anche con altre iniziative d'arte e musica, tutti appuntamenti che per il sindaco della città segnano l'inizio di un ritorno alla normalità.