ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

Nel coacervo di interessi mediorientali in trappola resta solo la popolazione civile

euronews_icons_loading
Images
Images   -   Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Il conflitto tra Israele e Palestinesa ha preso una nuova piega, più radicale, con Hamas e gli ultranazionalisti di Tel Aviv e Gerusalemme che guidano le azioni militari. Il conflitto è più impigliato che mai nei più ampi giochi politici e di potere che hanno avuto luogo in Medio Oriente come mai prima d'ora. La diplomazia dell'UE, è desiderosa di svolgere un ruolo nella regione. Ma non c'è tempo per parlare, per Israele l'offensiva di Hamas è una minaccia esistenziale

Cosi' Walid Abu Haya, vicecapo della missione israeliana presso Ue-Nato: "Le nostre intenzioni sono molto chiare. La nostra intenzione è porre fine a qualsiasi attacco terroristico proveniente da Gaza, da parte dell'organizzazione Hamas, dall'Iran o da altre organizzazioni terroristiche nella regione".

Gli Stati Uniti di Biden hanno cambiato la retorica rispetto all'amministrazione Trump, tuttavia al momento Washington gioca la sua solita carta di difesa degli interessi israeliani in un ambiente ostile, Bruxelles è isolata e divisa. L'Iran, secondo Washington e TelAviv, estende la sua presa espandendo la sua presenza ai confini di Israele. E la Turchia sta chiaramente dando il suo sostegno ai palestinesi.

Cosi' l'eurodeputata svedese Evin Incir: "Erdogan non ha perso i suoi sogni di diventare il capo o di guidare un nuovo tipo di impero ottomano moderno. Lo ha già dimostrato in altri conflitti: in Libia, in Nagorno Karabakh e in molti altri posti. Ciò che guida Erdogan non è la ricerca di una soluzione alla situazione attuale, ma piuttosto i suoi interessi a prendere la leadership in tutto il Medio Oriente.

La diplomazia europea è paralizzata. A parte l'offerta francese di ingaggiare il presidente egiziano, Al Sisi come mediatore . Bruxelles gioca da 30 anni le carte degli investimenti e degli aiuti economici in cambio di entrate politiche che non ha mai ottenuto, nonostante i suoi forti legami commerciali con Israele.

Dice un analista: "Il ruolo commerciale dell'UE è in realtà enorme perché è il maggiore partner commerciale per Tel Aviv, e anche quando si tratta di altre fonti di cooperazione. In materia di ricerca l'UE è davvero il partner bilaterale più significativo. Ma quando si parla di politica sono gli Stati Uniti a giocare il ruolo più decisivo, in parte perché l'UE non è stata in grado di tradurre il suo peso economico in leva politica".

La dotazione finanziaria pluriennale per la Palestina nell'ambito del periodo 2017-2020 ammonta a 1,28 miliardi di euro. per finanziare Stato di diritto, giustizia, sicurezza dei cittadini e diritti umani, nonché altre infrastrutture cruciali. La Real Politik conta più della buona volontà e degli approcci costruttivi