ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

L'Europa chiede una tregua in medioriente

euronews_icons_loading
L'Europa chiede una tregua in medioriente
Diritti d'autore  Yousef Masoud/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Tutti gli Stati membri europei tranne uno, l'Ungheria, hanno chiesto un cessate il fuoco immediato tra Israele e Hamas dopo 8 lunghi giorni di intensa violenza.

I ministri degli affari esteri dell'UE hanno tenuto una riunione di emergenza per decidere una politica unificata in risposta alle ostilità che hanno provocato la morte di oltre 200 palestinesi, inclusi 61 bambini. Nel frattempo 10 israeliani sono stati uccisi dai razzi di Hamas tra cui 2 bambini.

Il governo ungherese ha rifiutato di aderire alla dichiarazione. Cosi' Borell, capo della politica estera dell'UE: "Condanniamo l'attacco missilistico di Hamas e di altri gruppi terroristici sul territorio israeliano. E sosteniamo pienamente il diritto alla difesa di Israele, ma abbiamo anche considerato e affermato che ciò deve essere fatto in modo proporzionato e nel rispetto della legge internazionale".

In precedenza i deputati hanno discusso della violenza in corso. Cosi' Charlie Weimers, deputato svedese: “Accettereste che un'organizzazione terroristica riconosciuta a livello internazionale attacchi il vostro paese democratico? Se la vostra risposta è Sì, allora che Dio ci aiuti se l'Europa verrà mai attaccata. Se la vostra risposta è No, che non lo sopportereste, allora non siete né migliori né peggiori di Israele; siete persone normali".

Diversi parlamentari europei hanno chiesto un immediato ritorno ai colloqui su una pace duratura

Cosi' la verde irlandese Grace O'Sullivan: "Direi a Israele da una prospettiva umanitaria, di guardare alla situazione attuale. Per questo accetti un cessate il fuoco dopo questa escalation. Penso che sia davvero il momento di avere quel cessate il fuocoTutte le parti interessate devono cercare di trovare una soluzione pacifica. Perché il mondo sta guardando e io sono sotto shock "

Sebbene non vi sia ancora alcun segno di una fine delle ostilità, la pressione dell'UE e un recente appello del presidente degli Stati Uniti Joe Biden per un cessate il fuoco potrebbero portare a una tregua nei prossimi giorni.