EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Sequestrati falsi ricambi Iveco a Como

Gdf lariana perquisisce 13 aziende da Nord a Sud
Gdf lariana perquisisce 13 aziende da Nord a Sud
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 10 MAG - "Una vera e propria fabbrica di produzione del falso in grado di immettere sul mercato decine di migliaia di pezzi di ricambio per autoveicoli contraffatti" è stata scoperta dalla Gdf di Como a Guanzate (Como). Sono state rinvenute moltissime scatole ancora imballate contenenti pezzi di ricambio per motori "non originali e compatibili con i modelli Iveco", di provenienza extra Ue, che venivano estratti, marchiati con i loghi e nuovamente confezionati in scatole, comprensive di codice a barre ed etichette, del tutto identiche a quelle originali: in tutto, riferisce la Gdf, 13mila pezzi. All'interno del capannone sono stati sequestrati 980 pezzi di ricambi (frizioni e filtri d'aria), 84.000 confezioni ed adesivi contraffatti, 3.000 pezzi di ricambi automobilistici "vergini", 6 macchinari per la stampa e per il confezionamento, 28 cliché, 13 quadri per stampe, nonché documentazione amministrativa utile alla ricostruzione della filiera commerciale, per un valore commerciale pari ad oltre un milione di euro. La documentazione così acquisita ha consentito di individuare tutti i soggetti che, a vario titolo, hanno commissionato la stampa del logo contraffatto: sono così state eseguite 23 perquisizioni presso le sedi legali di 13 aziende, dislocate in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Campania e Puglia. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 18 giugno - Mattino

Il segretario della Nato Stoltenberg incontra Biden alla Casa Bianca, colloquio su Ucraina e Difesa

La Grecia respinge le accuse di brutalità contro i migranti, inclusi i presunti abbandoni in mare